Forever Autumn di Mark Morris

Forever Autumn di Mark Morris
Forever Autumn di Mark Morris

Il romanzo “Forever Autumn” di Mark Morris è stato pubblicato per la prima volta nel 2007. inedito in Italia.

A Blackwood Falls, una cittadina del New England, gli abitanti si stanno preparando per Halloween. Rick Pirelli è arrivato a casa, accompagnato da due suoi amici che vanno alla stessa scuola superiore, quando notano una strana luce verde provenire da un vecchio albero nel giardino. Quando scavano alle radici dell’albero trovano uno strano libro scritto in un linguaggio sconosciuto che però uno dei ragazzini riesce a leggere prima che Rick glielo tolga di mano.

Il Decimo Dottore e Martha Jones arrivano a Blackwood Falls alla ricerca della fonte di un’emissione di energia. Mentre una strana nebbia verde sembra aver invaso la cittadina, i due viaggiatori raggiungono la residenza della famiglia Pirelli, dove il Dottore pensa che l’energia sia stata emessa dall’oggetto che era sepolto. A chi appartiene quello strano libro? Qual è il collegamento con l’anziana vicina che ha la reputazione di essere preveggente?

“Forever Autumn” fa parte di una collana di romanzi connessi alla nuova serie di “Doctor Who”. Essi sono orientati ad un ampio pubblico essendo abbastanza lineari da essere apprezzati anche da lettori molto giovani ma abbastanza sofisticati da poter interessare anche lettori più maturi.

“Forever Autumn” mette assieme elementi di varie opere horror inserendole in una storia di “Doctor Who” per creare un romanzo legato a Halloween. Ci sono un vecchissimo albero, un libro misterioso, una strana nebbia, un’anziana vicina con la reputazione di essere una specie di strega e tra i protagonisti ci sono ragazzini con genitori totalmente all’oscuro di ciò che sta succedendo in una cittadina americana.

A questi ingredienti mancano solo i mostri che minacciano gli abitanti locali per completare la storia horror: in “Forever Autumn” sono chiamati Hervoken e nel corso del romanzo viene mostrata una connessione con altre creature già apparse in “Doctor Who”. Alla fine la differenza rispetto alla classica storia horror legata a Halloween è che il Tardis porta il Dottore, per l’occasione accompagnato da Martha Jones, nella città al centro della minaccia.

In quest’atmosfera, il Dottore deve capire l’origine della minaccia che, come in ogni storia horror che si rispetti, è collegata alle origini della cittadina in cui qualcosa si è risvegliato. Onestamente tutti gli elementi sono dei cliché perché i libri di questa collana sono troppo brevi per poterli sviluppare tutti come meriterebbero.

Forse Mark Morris ha cercato di mettere fin troppi ingredienti nel suo romanzo per poi non avere più spazio per svilupparli. Ad esempio, Etta Helligan, l’anziana considerata una strega, è presente solo in alcuni momenti pur avendo una certa importanza nella trama. L’autore ha scelto di concentrare i suoi sforzi sui ragazzini, che sono gli unici personaggi che hanno qualche sviluppo.

Da questi romanzi di “Doctor Who” non ci si può aspettare una grande originalità e il divertimento c’è quando il Dottore e i suoi compagni sono ben inseriti nella storia e hanno un comportamento coerente con quello della serie televisiva. È il caso di “Forever Autumn”, dove si vedono in particolare i tipici modi di agire del Decimo Dottore.

In storie di questo tipo, in teoria di fantascienza ma fondamentalmente horror, parte del divertimento può derivare dal fatto che fanno paura. Da questo punto di vista il mio problema è che nel corso della mia vita ho visto talmente tanti film horror e letto talmente tante storie di questo genere che un romanzo come “Forever Autumn” non mi fa più alcun effetto. Probabilmente i lettori più sensibili a questo tipo di storie l’hanno apprezzato più di me.

Per me il divertimento nel leggere questo romanzo è arrivato dalle azioni dei personaggi nelle loro reazioni agli eventi e in particolare dal Dottore e da Martha Jones, che in questa storia ha già viaggiato parecchio col Dottore perciò era oltre la fase in cui il personaggio era stato azzoppato con la storia dell’amore non richiesto.

Complessivamente ho apprezzato abbastanza “Forever Autumn” ma non è un tipo di storia che mi possa eccitare davvero. Credo che possa piacere in particolare ai fan delle storie legate a Halloween.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *