Paradiso remoto di Mike Resnick

Paradiso remoto di Mike Resnick
Paradiso remoto di Mike Resnick

Il romanzo “Paradiso remoto” (“Paradise”) di Mike Resnick è stato pubblicato per la prima volta nel 1993. È il primo libro della serie della Commedia Galattica. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1650 di “Urania” nella traduzione di Alessandro Vezzoli. È disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Matthew Breen è un giornalista che intende scrivere un libro sul pianeta Peponi, un’ex colonia umana a cui la Repubblica ha concesso l’indipendenza lasciando il governo alla specie senziente nativa. Per fare ciò, intervista alcune persone che hanno vissuto su Peponi per poi lasciarlo.

Alcuni anni dopo, Matthew Breen viene invitato su Peponi dal suo presidente Buko Pepon, che gli chiede di scrivere la sua biografia. Per fare ciò, il giornalista deve non solo intervistarlo ma anche indagare sulla situazione del pianeta e dei nativi dopo l’indipendenza, scoprendo una serie di problemi.

“Paradiso remoto” comincia con un’introduzione in cui Mike Resnick racconta una parabola kenyana che vede protagonisti uno scorpione e un coccodrillo. È una variante di una parabola ben conosciuta che in questo caso termina in un modo diverso dal solito. L’autore specifica che non ha nulla a che fare con il romanzo, che riguarda il mitico mondo di Peponi piuttosto che la reale nazione del Kenya. Ciò significa che si tratta di un’allegoria della storia del Kenya a malapena mascherata da fantascienza.

Questo romanzo è ambientato nello stesso universo narrativo di molte altre storie di Mike Resnick e termina vari decenni prima dell’inizio della serie Starship, che avviene nel romanzo “Gli ammutinati dell’astronave” (“Starship: Mutiny”). Un pianeta ricco di risorse viene chiamato Peponi, che significa “paradiso” in lingua swahili, dagli esseri umani che lo colonizzano asservendo i nativi senzienti, il cui livello tecnologico a quel punto è di cacciatori-raccoglitori, i quali vengono sfruttati come forza lavoro.

L’allegoria in “Paradiso remoto” è spesso molto trasparente con Peponi colonizzato dagli esseri umani che rappresenta il Kenya colonizzato dai britannici. La ricostruzione della sua storia coloniale fatta dal giornalista Matthew Breen tramite interviste a persone che hanno vissuto a lungo su Peponi sembra a volte presa da qualche libro di storia a cui Mike Resnick ha sostituito un po’ di nomi. L’autore ha inventato i nomi di alcune persone che rappresentano personaggi storici e i nomi di qualche specie nativa da sostituire a leoni ed elefanti.

Nel caso di “Paradiso remoto”, il protagonista Matthew Breen racconta in prima persona il lavoro che compie per raccogliere il materiale che gli serve per scrivere i suoi libri, intervistando persone e viaggiando su Peponi. Nella prima parte, non è neppure sul pianeta ma incontra in altri luoghi persone che lo hanno lasciato. Ciò significa che gli eventi non vengono vissuti dal protagonista ma gli vengono raccontati e ciò potrebbe non piacere ad alcuni lettori.

Quegli eventi riguardano un periodo molto lungo della storia del pianeta Peponi. Il lungo periodo coloniale viene raccontato inizialmente dal punto di vista di alcuni umani che hanno nostalgia dei presunti bei vecchi tempi in cui secondo loro il pianeta era un paradiso. Si tratta del periodo in cui le risorse di Peponi vengono sfruttate e al momento in cui i nativi ottengono l’indipendenza le conseguenze sull’ambiente sono molto serie perciò ad esempio alcune specie sono estinte o quasi.

Per il racconto del periodo post-coloniale il protagonista Matthew Breen va su Peponi, dove incontra il presidente nativo Buko Pepon. Anche in questo caso l’allegoria è trasparente perché il personaggio è ispirato a Jomo Kenyatta, il primo presidente del Kenya dopo l’indipendenza.

Dato che “Paradiso remoto” è sviluppato soprattutto sotto forma di interviste, il ritmo tende a essere lento. Secondo me va benissimo per un romanzo di questo tipo, che offre spunti di riflessione e quindi dà ai lettori il tempo di capire le varie sfaccettature della storia coloniale e post-coloniale del pianeta Peponi.

La struttura decisa da Mike Resnick si vede anche nello sviluppo dei personaggi. È inusuale nel senso che di solito in un romanzo narrato in prima persona il narratore tende a essere il personaggio più sviluppato mentre ci possono essere problemi con gli altri, invece in “Paradiso remoto” avviene l’opposto.

Ciò ha senso perché Matthew Breen si limita a raccogliere esperienze altrui senza esprimere giudizi. Sono invece le opinioni delle persone, umane e non, che vivono o hanno vissuto su Peponi a essere importanti per permettere al lettore di capire i vari punti di vista.

Il risultato è un romanzo decisamente non ordinario nel modo in cui è stato sviluppato. Ho trovato molto interessante il modo in cui Mike Resnick ha raccontato la storia di una civiltà che nel giro di pochissimo tempo è stata completamente trasformata e i problemi a lungo termine che ne sono conseguiti. Se volete capire il colonialismo e le sue conseguenze, “Paradiso remoto” è un romanzo da leggere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *