Purgatorio: storia di un mondo lontano di Mike Resnick

Purgatorio: storia di un mondo lontano di Mike Resnick
Purgatorio: storia di un mondo lontano di Mike Resnick

Il romanzo “Purgatorio: storia di un mondo lontano” (“Purgatory”) di Mike Resnick è stato pubblicato per la prima volta nel 1993. È il secondo libro della serie della Commedia Galattica e segue “Paradiso remoto“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 1253 e 1652 di “Urania” nella traduzione di Alessandro Vezzoli. La seconda edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Sul pianeta Karimon c’è una specie nativa di rettili senzienti che ha raggiunto l’equivalente dell’età della pietra terrestre. L’arrivo degli esseri umani su Karimon sconvolge rapidamente quella civiltà, soprattutto perché la forte presenza di minerali preziosi attira molti potenziali sfruttatori mettendo il pianeta al centro di notevoli interessi economici.

Jalanopi è il re dei Tulabete, la nazione più forte del pianeta Karimon, ma non ha alcuna speranza di fermare con la forza l’arrivo degli esseri umani con le loro armi avanzate. La sua unica speranza è mettere gli umani contro un’altra specie aliena interessata alle risorse del pianeta per ottenere armi e accordi che assicurino la sopravvivenza dei nativi.

“Purgatorio: storia di un mondo lontano” comincia quasi esattamente come “Paradiso remoto”, con un’introduzione in cui Mike Resnick racconta una variante di una parabola che vede protagonisti uno scorpione e un coccodrillo. L’unica differenza è che in questo secondo romanzo Mike Resnick menziona lo Zimbabwe al posto del Kenya indicando quale nazione africana è la protagonista della storia mascherata da una patina di fantascienza.

Il pianeta Peponi, su cui si svolgono gli eventi di “Paradiso remoto”, viene menzionato alcune volte in “Purgatorio: storia di un mondo lontano” perché le loro storie si sviluppano praticamente nello stesso periodo della storia futura creata da Mike Resnick ma i due romanzi sono completamente indipendenti. Fanno parte di una trilogia ambientata nello stesso universo narrativo e hanno in comune il tema di fondo, l’allegoria del colonialismo in Africa, ma ognuno di essi può essere letto in modo autonomo e in qualsiasi ordine senza perdere nulla di importante.

Una differenza notevole tra “Paradiso remoto” e “Purgatorio: storia di un mondo lontano” sta nel modo in cui vengono raccontati. Il primo romanzo è stato sviluppato come una ricerca da parte di un giornalista che comincia dopo la fine del periodo coloniale sul pianeta Peponi. Il secondo romanzo è stato sviluppato raccontando in maniera più diretta gli eventi cruciali delle varie fasi della presenza degli esseri umani sul pianeta Karimon.

Il romanzo “Purgatorio: storia di un mondo lontano” copre un lungo periodo perciò nelle varie parti ci sono diversi protagonisti. Essi sono ispirati a personaggi reali che hanno avuto un ruolo nella storia dello Zimbabwe (o Rhodesia, com’è stato chiamato per un lungo periodo) eppure Mike Resnick riesce a dare a tutti uno sviluppo che permette di capire le loro motivazioni. Si tratta di un fattore fondamentale nella comprensione di una storia fortemente allegorica.

Attraverso quei personaggi, Mike Resnick racconta gli scontri non solo tra umani e serpenti, come vengono chiamati i nativi di Karimon, ma anche tra diverse fazioni all’interno delle due specie. L’autore lo fa senza aggiungere giudizi alle azioni dei vari protagonisti raccontando atti positivi e negativi compiuti dalle varie fazioni.

In questo modo, Mike Resnick mostra le giustificazioni dei vari personaggi per le loro azioni. Alcuni di essi ritengono di fare ciò che è meglio per Karimon (o Rockgarden, come viene chiamato dagli umani) mentre altri hanno interessi economici o di diverso tipo. In ogni caso, quelle azioni hanno varie conseguenze sulla storia del pianeta.

Tutto ciò permette al lettore di ottenere una comprensione più ampia di quella storia. Secondo me sono gli elementi che costituiscono la forza di “Purgatorio: storia di un mondo lontano”, offrendo la possibilità di farsi un’opinione non ideologica del colonialismo e delle sue conseguenze anche a lungo termine nello Zimbabwe.

Mike Resnick scrisse “Purgatorio: storia di un mondo lontano” all’inizio degli anni ’90, durante la prima fase dell’era di Robert Mugabe nello Zimbabwe. I recenti eventi in quella nazione, con la fine di quell’era, sono solo le ultime conseguenze degli eventi precedenti e se volete capirli questo è un romanzo da leggere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *