La stella della vita di Edmond Moore Hamilton

La stella della vita di Edmond Moore Hamilton
La stella della vita di Edmond Moore Hamilton

Il romanzo “La stella della vita” (“The Star of Life”) di Edmond Moore Hamilton è stato pubblicato per la prima volta nel 1959. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nei nn. 236 e 722 di “Urania”, all’interno del n. 39 di “Millemondi” e all’interno del n. 179 di “Urania collezione” nella traduzione di Mario Galli. Quest’ultima edizione è disponibile anche in formato Kindle su Amazon Italia e Amazon UK e in formato ePub su IBS.

Kirk Hammond è un astronauta impegnato in una missione spaziale su una navicella in teoria perfetta. Tuttavia, qualcosa va storto e per lui non c’è speranza ma solo la prospettiva di rientrare nell’atmosfera terrestre quando ormai l’ossigeno sarà esaurito. Disperato, si espone al gelo spaziale per ibernarsi nella speranza di essere risvegliato.

Quando la navicella torna sulla Terra, Kirk Hammond si risveglia dall’ibernazione ma scopre un mondo ben diverso da quello che aveva lasciato. Scopre che sono trascorsi millenni da quando era partito e la Terra è dominata dai Vramen, discendenti degli esseri umani che sono divenuti immortali.

Gli anni ’50 e ’60 furono il periodo del picco di qualità nella produzione di Edmond Hamilton. Dopo aver accumulato molta esperienza nel corso di anni in cui aveva scritto per le riviste pulp, l’autore aveva cominciato a produrre opere che erano ancora avventurose ma offrivano maggiore profondità nei personaggi e nelle trame. Anche il matrimonio con la scrittrice Leigh Brackett aveva giovato al suo stile grazie alla collaborazione non ufficiale ma costante tra i due nel corso del loro lavoro.

“La stella della vita” fa parte di quel periodo d’oro per Edmond Hamilton. Le basi del romanzo rimangono molto classiche, con il protagonista Kirk Hammond che si espone al gelo spaziale nella speranza di ibernarsi per poi risvegliarsi millenni nel futuro e trovare una Terra completamente cambiata. Tuttavia, l’autore sviluppa trama e personaggi molto meglio rispetto ai tempi delle riviste pulp.

Quando Kirk Hammond si risveglia dal suo lunghissimo sonno deve capire rapidamente in che razza di futuro è capitato perché si trova subito in pericolo e deve imparare a nascondersi. Ciò perché a quell’epoca l’umanità si è diffusa tra le stelle ma c’è una grandissima maggioranza governata da una piccola minoranza, conosciuta come i Vramen, che detiene il monopolio su alcune tecnologie fondamentali tra cui quella dell’immortalità.

Subito dopo il suo risveglio, Kirk Hammond entra un contatto con un gruppo di resistenza ai Vramen e gli viene raccontata la storia dei millenni che ha trascorso in ibernazione. Nel raccontare la storia del protagonista, Edmond Hamilton scava nelle sue emozioni, che sono molto importanti nelle sue reazioni agli eventi in cui è finito in mezzo.

Kirk Hammond non è un eroe senza macchia e senza paura bensì un uomo totalmente fuori dal suo tempo, una situazione alla quale non poteva essere preparato, anche emotivamente. La conseguenza è che soprattutto all’inizio non ha la piena coscienza di ciò che sta succedendo attorno a lui e può commettere errori di valutazione.

Anche la trama mostra una buona complessità con colpi di scena che non servono solo a mantenere alti il ritmo e l’attenzione del lettore ma portano anche cambiamenti di prospettiva. La rivelazione di certi segreti porta a valutare in modo diverso i comportamenti di certi personaggi perché la situazione dell’umanità, che inizialmente sembrava facilmente comprensibile, si rivela invece ben più complessa.

Emozioni e sentimenti, in certi casi soprattutto quelli negativi, sono importanti anche in altri personaggi de “La stella della vita”. Altri autori avrebbero sviluppato molto di più il rapporto tra questi fattori umani e l’immortalità con una maggiore introspezione ma per Edmond Hamilton si trattava di elementi che arricchivano una storia fondamentalmente avventurosa. C’è anche una componente romantica che è piuttosto superficiale ed è funzionale a certi sviluppi della trama.

Come moltissime opere di quell’epoca, “La stella della vita” contiene alcune ingenuità come l’idea che un uomo possa ibernarsi esponendosi al gelo spaziale e poi risvegliarsi dopo essersi scongelato al rientro nell’atmosfera terrestre. Nonostante ciò, le difficili scelte che attendono l’umanità nel futuro con quelle che Edmond Hamilton definisce trappole secondo me rendono questo romanzo sopra la media del suo genere e quindi ancora meritevole di essere letto.

2 Comments


  1. Libro che non mi è piaciuto di cui ricordo solo l’inizio alla Space Oddity. A dire il vero di Hamilton non mi è piaciuto niente. Da “”Incappucciati d’ombra”” a quello che descrive un a cittadina proiettata in un lontano futuro da una esplosione atomica.

    Troppo americano

    Reply

    1. Hamilton era soprattutto uno scrittore di space opera classica, che si rifaceva a certi elementi narrativi ripresi dalla storia americana perciò è inevitabile che sia molto americano.

      Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *