Halszkaraptor escuilliei era uno strano dinosauro che assomigliava a un uccello d’acqua

Ricostruzione di Halszkaraptor escuilliei (Immagine cortesia Lukas Panzarin / Andrea Cau)
Ricostruzione di Halszkaraptor escuilliei (Immagine cortesia Lukas Panzarin / Andrea Cau)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive la scoperta di una specie di dinosauro imparentato con il Velociraptor ma con abitudini semi-acquatiche che visse circa 75 milioni di anni fa nell’odierna Mongolia. Chiamato Halszkaraptor escuilliei, aveva caratteristiche fisiche e uno stile di vita più ai moderni cigni che ai suoi cugini dell’epoca. Per questo motivo, un team di ricercatori guidati da Andrea Cau dell’Università di Bologna ritiene che facesse parte di un nuovo gruppodi di nosauri.

Questo fossile di Halszkaraptor escuilliei, soprannominato “Halszka”, ha una storia curiosa. In genere questi studi seguono scoperte effettuate nel corso di scavi condotti con i permessi necessari o dopo che qualcuno li trova casualmente. In questo caso invece però il fossile è stato scavato illegalmente, chissà quando. Attraverso canali decisamente non ufficiali è stato esportato dalla Mongolia e ha fatto parte di collezioni private fino al 2015, quando è stato donato all’Istituto Reale delle Scienze Naturali di Bruxellel, che ha un accordo con il governo mongolo.

Andrea Cau è stato contattato dai paleontologi belgi per studiare il fossile e inizialmente ha pensato che si trattasse di un falso perché le sue caratteristiche sembravano un mix di quelle di diversi dinosauri. Per questo motivo, è stato sottoposto a un esame molto sofisticato alla European Synchrotron Radiation Facility (Esrf), una sorta di TAC ad altissima risoluzione che ha permesso di crearea una riproduzione tridimensionale molto dettagliata evitando qualsiasi danno.

L’esame ha innanzitutto confermato che il fossile è autentico e si tratta di un unico animale, non di esemplari di diverse specie morti assieme. Ha anche permesso ai ricercatori di ricostruirne le caratteristiche fisiche. Si trattava di un piccolo dinosauro lungo circa 80 centimetri e alto circa 40 centimetri. Si trattava di un animale semi-acquatico come certe specie di uccelli moderni come cigni, oche e papere.

Le caratteristiche di Halszkaraptor escuilliei suggeriscono che fosse comunque un predatore come i suoi cugini Velociraptor, con cui condivideva gli artigli. Tuttavia, esso pescava più che cacciare usando il suo lungo collo e il becco per catturare i pesci sulle rive dei laghi che costituivano il suo habitat. Per questi motivi, i ricercatori l’hanno classificato nella famiglia Dromaeosauridae. Tuttavia, i ricercatori ritengono che costituisca una sottofamiglia che hanno chiamato Halszkaraptorinae assieme ai generi Mahakala e Hulsanpes, altri teropodi predatori del periodo Cretaceo.

Il fossile non mostra tracce di piumaggio ma secondo i ricercatori probabilmente era coperto di penne come i suoi parenti più vicini. In questi casi è spesso necessario fare ipotesi su alcune caratteristiche di un animale quando i fossili non sono sufficienti a definirle e alcune di esse vengono dedotte da similitudini con altre specie simili. La specie Halszkaraptor escuilliei è strana per il mix di caratteristiche ma grazie a esami molto sofisticati è possibile far luce su questo genere di dinosauri.

Pascal Godefroit, Paul Tafforeau e Andrea Cau con il fossile di Halszkaraptor escuilliei (Foto cortesia ESRF/P. Jayet)
Pascal Godefroit, Paul Tafforeau e Andrea Cau con il fossile di Halszkaraptor escuilliei (Foto cortesia ESRF/P. Jayet)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *