Buon compleanno Ridley Scott!

Ridley Scott nel 2015 (Foto NASA/Bill Ingalls)
Ridley Scott nel 2015 (Foto NASA/Bill Ingalls)

Ridley Scott è nato il 30 novembre 1937 a South Shields, in Inghilterra.

Dopo aver seguito per anni suo padre, ufficiale dell’esercito britannico, Ridley Scott ha studiato al West Hartlepool College of Art e successivamente al Royal College of Art. Dopo essersi diplomato, ha cominciato a lavorare alla BBC come scenografo e successivamente come regista, anche in serie importanti come “Out of the Unknown”, “Z Cars” e “Adam Adamant Lives!”.

Nel 1964 Ridley Scott si è sposato con Felicity Heywood e i due hanno avuto i figli Jake (1965) e Luke (1968), diventati anch’essi registi. Il loro matrimonio è durato fino al 1975.

Nel 1968, assieme al fratello minore Tony, Ridley Scott ha fondato la Ridley Scott Associates (RSA), una casa di produzione che tra le altre cose ha creato spot pubblicitari per marchi importanti di vari settori come Chanel ed Apple rimasti nella storia della televisione britannica.

Nel 1977 la carriera di Ridley Scott ha avuto un altra svolta con l’uscita del suo primo film, “I duellanti” (“The Duellists”), che gli ha dato subito successo con il premio speciale della giuria del Festival di Cannes e il David di Donatello.

Nel 1979 Ridley Scott si è sposato con Sandy Watson, con la quale ha avuto la figlia Jordan. Il loro matrimonio è durato fino al 1989.

Ridley Scott intendeva proseguire sullo stesso genere di film ma gli venne offerta la regia di “Alien”. Da ragazzino aveva letto H.G. Wells e in quegli anni i film di fantascienza stavano conquistando nuovi successi perciò accettò e il film uscì nel 1979. Inizialmente ricevette critiche miste ma ottenne un notevole successo di pubblico, anche grazie al contributo nella creazione dello Xenomorfo di artisti come H.R. Giger e Carlo Rambaldi. Nel corso degli anni è diventato un film di culto nel campo della fantascienza, tanto da avere vari seguiti nel corso dei decenni successivi.

Il successo di Ridley Scott nel campo della fantascienza è aumentato ulteriormente con l’uscita del film “Blade Runner” nel 1982, un adattamento del romanzo “Il cacciatore di androidi” (“Do Androids Dream of Electric Sheep?”) di Philip K. Dick che sviluppa la storia in modo molto diverso. Inizialmente negli USA fu un insuccesso mentre le cose andarono meglio in altre nazioni ma nel corso degli anni la sua fama lo ha fatto assurgere a capolavoro assoluto, anche tra i migliori film con Harrison Ford. Il monologo finale di Rutger Hauer è diventato celebre ben oltre il campo del cinema. Nel 1992 è uscta la Director’s Cut e nel 2007 la Final Cut, con montaggi diversi.

Negli anni successivi, Ridley Scott ha diretto altri film di vari generi ma con risultati alterni. Nel 1985 uscì “Legend” in montaggi diversi in varie nazioni e una successiva Director’s Cut molto più lunga. Dopo quell’esperienza, il regista si prese una pausa per tornare con “Chi protegge il testimone” (“Someone to Watch Over Me”) del 1987, “Black Rain – Pioggia sporca” (“Black Rain”) del 1989 e soprattutto “Thelma & Louise” del 1991.

L’attività di Ridley Scott si è divisa sempre di più tra quella di regista e quella di produttore. In particolare, dopo gli anni ’90 piuttosto poveri di successi, sempre più spesso ha prodotto film, film per la televisione e anche serie televisive poi diretti da altri.

Il successo come regista è tornato per Ridley Scott con “Il gladiatore” (“Gladiator”) del 2000, vincitore di vari Oscar, Golden Globe e tanti altri premi internazionali. I risultati sono stati però ancora alternanti negli anni successivi, a cominciare con quello ottenuto con “Hannibal” del 2001, un successo al botteghino ma non altrettanto di critica. Negli anni successivi il suo film di maggiore successo è stato probabilmente “American Gangster” del 2007.

Negli ultimi anni, Ridley Scott è tornato alla saga di Alien dirigendo “Prometheus”, uscito nel 2012, che però ha ricevuto parecchie critiche negative. Gli è andata meglio con “The Counselor – Il procuratore” (“The Counselor”) del 2013, dedicato al fratello Tony, che si è suicidato durante la produzione del film, e con “Sopravvissuto – The Martian” (“The Martian”) del 2015.

Qualche mese fa è uscito “Alien: Covenant” e Ridley Scott ha ancora vari progetti in fase di produzione. Nonostante non sia più un ragazzino, continua a svilupparli come regista e ancor di più come produttore. In varie occasioni i risultati non sono stati all’altezza della sua fama ma alcuni suoi film hanno già fatto la storia del cinema.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *