Una ricerca sul virus Ebola offre nuovi spunti per migliorare le cure

Virus Ebola (Immagine CDC)
Virus Ebola (Immagine CDC)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Cell Host & Microbe” descrive uno studio sui campioni di sangue prelevati da pazienti che soffirvano della malattia da virus Ebola in Sierra Leone. Un team di ricercatori coordinato dall’Università del Wisconsin a Madison ha analizzato in modo approfondito i campioni e ha identificato varie firme del virus Ebola tra cui 11 biomarcatori che distinguono le infezioni fatali da quelle non fatali e 2 che possono predire con accuratezza quali pazienti hanno maggiori probabilità di morire.

Ebolavirus è un genere di virus che comprende 5 specie delle quali 4 causano la malattia da virus Ebola (EVD). Quello chiamato comunemente virus Ebola o EBOV è in realtà la specie Zaire ebolavirus. Si tratta di un virus a RNA a singolo filamento negativo (ssRNA-) che ha un tasso di mortalità molto alto negli esseri umani. Questa caratteristica ha impedito quasi sempre la sua diffusione al di fuori di un’area ristretta ma occasionalmente riesce a uscirne e in quei casi può uccidere migliaia di persone in breve tempo.

Per molto tempo dopo la sua identificazione avvenuta nel 1976, solo pochi laboratori portarono avanti ricerche sul virus Ebola. Le cose cambiarono dopo che, nel corso del 2014, scoppiò quella che è conosciuta come epidemia di febbre emorragica di Ebola in Africa Occidentale del 2014, che provocò oltre 10.000 morti. Gli sforzi vennero moltiplicati grazie a forti finanziamenti dei laboratori di ricerca e ciò portò alla creazione di vari possibili vaccini. Tuttavia, il pericolo esiste ancora perciò le ricerche sono continuate per capire il funzionamento del virus Ebola.

Nel corso dell’epidemia scoppiata nel 2014, alcuni degli autori dell’articolo andarono in Sierra Leone, dove attrezzarono un laboratorio in un ospedale militare in risposta al contagio che aveva colpito anche nella capitale Freetown. In collaborazione con il governo nazionale, prelevarono campioni di sangue dai pazienti a cui era stato diagnosticato il contagio da virus Ebola e dopo aver ricevuto le cure sviluppate.

I ricercatori ottennero 29 campioni da 11 pazienti sopravvissuti e 9 campioni da altrettanti pazienti morti a causa del virus Ebola. Nella ricerca, questi campioni sono stati confrontati con quelli di 10 persone non esposte al virus Ebola. I campioni sono stati studiati in maniera estremamente approfondita per individuare qualsiasi componente anomalo che possa indicare sintomi della malattia ma anche la sua gravità.

Questo studio molto sofisticato ha permesso di scoprire molti dei segnali molecolari presenti nelle persone colpite dal virus Ebola. Questi risultati offrono nuove informazioni preziose per capire meglio la malattia da virus Ebola e per migliorare la gestione delle cure nella somministrazione e nell’efficacia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *