Wetworld di Mark Michalowski

Wetworld di Mark Michalowski
Wetworld di Mark Michalowski

Il romanzo “Wetworld” di Mark Michalowski è stato pubblicato per la prima volta nel 2007. È al momento inedito in Italia.

Il Decimo Dottore vuole portare Martha Jones a fare una colazione da Tiffany anche se i due intendono diversi Tiffany. Qualcosa va storto e il Tardis si materializza sul pianeta Sunday, in un’area paludosa dove solo il campo di forza impedisce un allagamento della navicella.

Il Dottore va in esplorazione e incontra una ragazza della colonia umana che si è stabilita sul pianeta, che sta cercando di riprendersi dopo uno tsunami provocato dal frammento di un meteorite. Martha si è preparata per una colazione elegante ma quando esce dal Tardis si ritrova nelle tenebre e quando mette la mano fuori dal campo di forza viene afferrata da qualcosa che la tira nell’acqua.

“Wetworld” fa parte di una collana di romanzi connessi alla nuova serie di “Doctor Who”. Essi sono orientati ad un ampio pubblico essendo abbastanza lineari da essere apprezzati anche da lettori molto giovani ma abbastanza sofisticati da poter interessare anche lettori più maturi.

Il romanzo inizia in uno dei modi classici in “Doctor Who”, con il Tardis che si materializza in un luogo diverso da quello dove il Dottore intendeva andare. Naturalmente, finisce in qualche luogo che nasconde pericoli tutti da scoprire e in questo caso è la povera Martha che finisce per pagarne le conseguenze perché si aspetta letteralmente una colazione da Tiffany ma appena esce dal Tardis rischia di essere vittima di una creatura poco amichevole.

Grazie all’incontro del Dottore con Candice “Candy” Kane, una ragazza che fa parte della colonia umana locale, il lettore può scoprire presto la situazione in cui sono finiti i viaggiatori. Il loro arrivo è avvenuto qualche tempo dopo la caduta di un grosso meteorite di cui un frammento ha provocato uno tsunami che ha distrutto la città costruita dai coloni uccidendo circa metà di essi.

Quando viene guidato al nuovo insediamento, il Dottore scopre che i coloni hanno catturato alcuni esemplari di animali locali che hanno chiamato lontre per la somiglianza con gli equivalenti terrestri. Un elemento importante è costituito da alcuni segni di intelligenza mostrati da queste creature.

Usando la carta psichica, il Dottore si fa passare per un magistrato proveniente dalla Terra e ottiene la collaborazione dei coloni per recuperare il Tardis e salvare Martha ma si trova di fronte al mistero delle varie specie presenti sul pianeta. Le lontre erano conosciute dai coloni ma gli studi della zoologa locale Ty Benson stanno dando strani risultati sulla loro intelligenza, la creatura che ha attaccato Martha era invece sconosciuta agli umani.

Rapidamente, Mark Michalowski comincia a sviluppare una trama legata ai misteri connessi alle varie creature presenti sul pianeta. Il Dottore cerca di capire se almeno una delle specie sia senziente e in quel caso vorrebbe comunicare con essa ma si tratta di una ricerca che nasconde vari pericoli.

Secondo me quella trama viene ben sviluppata mettendo assieme elementi classici di “Doctor Who” con il desiderio del Dottore di comunicare con altre specie e al tempo stesso la necessità di proteggere gli innocenti. C’è un buon equilibrio tra l’indagine scientifica compiuta dal Dottore per trovare alcune risposte e la storia dei coloni umani.

Anche i personaggi sono un elemento positivo di “Wetworld”. Dai riferimenti ad avventure della serie televisiva, si capisce che questo romanzo è ambientato quando Martha Jones stava viaggiando da qualche tempo con il Dottore e tra i due ormai c’è una buona intesa. In generale mi è parso che Mark Michalowski abbia riprodotto fedelmente i protagonisti perciò mi è risultato naturale sentire le loro voci nella mia mente mentre leggevo il romanzo.

Mi pare che l’autore abbia fatto un buon lavoro anche nella caratterizzazione dei personaggi principali che ha creato per il romanzo. Il risultato è che quelli più importanti tra i coloni hanno una loro personalità che viene ben definita e anche le altre specie vengono descritte in un modo che permette al lettore a capire le loro azioni.

Questi elementi secondo me formano una trama interessante sviluppata in maniera godibile mettendo assieme momenti di umorismo e altri di tensione. Per questi motivi ne consiglio la lettura ai fan di “Doctor Who” in generale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *