R.I.P. Julian May

È giunta la notizia che la scrittrice Julian May è morta il 17 ottobre 2017. Non sono state rese note le cause del decesso.

Avevo già pubblicato un omaggio a Julian May in occasione del suo 80° compleanno, il 10 luglio 2011, che conteneva i riferimenti più importanti alla sua vita e alla sua carriera di scrittrice. In realtà la durata di quella carriera, la quantità di opere pubblicate, spesso sotto qualche pseudonimo o in collaborazione, e la varietà di generi abbracciati a volte anche mischiandoli renderebbero necessario un articolo molto lungo per elencare tutti i suoi lavori.

Julian May pubblicò la sua prima opera professionale, un racconto breve intitolato “Dune Roller”, nel 1951 e le ultime opere pubblicate sono state la trilogia fantasy della Luna Boreale composte da “Conqueror’s Moon” del 2004, “Ironcrown Moon” del 2005 e “Sorcerer’s Moon” del 2006. Nel corso di quei 55 anni ha scritto davvero di tutto e in particolare oltre 250 libri per bambini e ragazzi, soprattutto saggistica e voci enciclopediche, nel corso di circa metà della sua carriera.

Sembrava che Julian May avesse abbandonato per sempre la letteratura fantascientifica ma alla fine degli anni ’70 cominciò a elaborare le idee che alla fine produssero le opere per cui è maggiormente conosciuta, la saga dell’Esilio nel Pliocene e il Ciclo del Milieu Galattico. In realtà esse sono due parti della stessa serie: la prima è ambientata nel passato ed è raccontata con toni tipici del genere fantasy, la seconda è ambientata dopo la II Guerra Mondiale in un arco narrativo che abbraccia alcuni secoli ed è raccontato con toni decisamente più tipici della fantascienza.

Questa serie è diventata l’opera più famosa di Julian May ed è inevitabile perché per ampiezza, anche dal punto di vista dei temi contenuti, e ambizione supera di gran lunga tutte le altre. I romanzi che la compongono sono stati sviluppati nel corso di quasi un ventennio e per una volta il numero di libri non è cresciuto per sfruttarne la fama bensì per poter raccontare una grande storia nella sua completezza.

Può sembrare paradossale che una scrittrice che ha prodotto qualche centinaio di opere sia ricordata soprattutto per una serie ma in quella dell’Esilio nel Pliocene / Milieu Galattico ha messo tutta la sua bravura. Certamente questa serie è sufficiente perché abbia un posto nella storia della fantascienza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *