Il Linguamyrmex vladi era una formica vampiro che visse nel Cretaceo

Linguamyrmex vladi (Immagine cortesia Phillip Barden et al.)
Linguamyrmex vladi (Immagine cortesia Phillip Barden et al.)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Systematic Entomology” descrive una ricerca su una formica vissuta circa 98 milioni di anni fa e conservatasi nell’ambra. Chiamata Linguamyrmex vladi, è stata studiata usando tecnologie moderne da un team di ricercatori guidati dal dottor Phillip Barden. È risultato che si trattava di una specie con caratteristiche morfologiche che indicano un comportamento da predatore molto specializzato. Essa faceva parte di un gruppo oggi estinto soprannominato “formiche dell’inferno” e si nutriva del sangue delle sue prede.

Nel periodo Cretaceo vissero varie specie di formiche appartenenti alla tribù tassonomica Haidomyrmecini, parte della sottofamiglia Sphecomyrminae. Nell’odierno Myanmar sono stati trovati vari insetti molto ben conservati nell’ambra, anche talmente diversi da quelli odierni da meritare la creazione di un nuovo ordine tassonomico come l’Aethiocarenus burmanicus. Nel caso della Linguamyrmex vladi la situazione è diversa perché le formiche vissute nel periodo Cretaceo appartenenti a gruppi oggi estinti sono già conosciute.

Il team del dottor Phillip Barden ha esaminato l’esemplare di Linguamyrmex vladi al microscopio e usando una micro-TAC ai raggi X, una versione della comune scansione usata in ambito medico adattata a studi come quelli paleontologici. Questa specie aveva mandibole simili a falci particolarmente grandi per una formica e un’appendice simile a un corno che dalla scansione è risultata essere rinforzata con metalli come zinco, manganese e ferro.

Appendici rinforzate non sono una novità tra gli insetti ma il caso della Linguamyrmex vladi conferma che si tratta di un predatore la cui “arma” principale veniva irrobustita, forse anche grazie a elementi presenti nel sangue delle sue prede. In varie specie odierne di insetti sono le mandibole a essere irrobustite, in quella formica del Cretaceo un corno rinforzato permetteva di bucare la corazza delle prede più facilmente.

Questo sistema permetteva alla Linguamyrmex vladi di raggiungere le parti molli delle sue prede e di succhiare la loro emolinfa con un organo simile a una cannuccia che aveva tra le mandibole. È per questo motivo che questa specie è stata definita formica vampiro e ha ricevuto un nome ispirato al personaggio storico all’origine della leggenda di Dracula.

La Linguamyrmex vladi mostra la diversificazione che esisteva tra le formiche del Cretaceo, con tanti adattamenti presenti nei gruppi estinti che sono assenti nelle formiche odierne. Per alcuni versi, i comportamenti di queste antiche formiche sono frutto di ipotesi ma la quantità di insetti trovati imprigionati nell’ambra in Myanmar ci permette farcene un’idea e anche sperare di trovarne altri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *