Tracce fossili di oltre mezzo miliardo di anni fa forniscono indizi sull’evoluzione degli animali

La ricostruzione delle tane fossili (Immagine cortesia Luke Parry - University of Bristol)
La ricostruzione delle tane fossili (Immagine cortesia Luke Parry – University of Bristol)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive lo studio di tracce lasciate da organismi vissuti oltre mezzo miliardo di anni fa che potrebbero essere importanti per capire come si sono evoluti gli animali. Un team di ricercatori ha scoperto tracce fossili di impronte e tane lasciate da alcuni tra i primi organismi capaci di compitere movimenti attivi. Quelle creature erano piccolissime, con uno spessore paragonabile a quello di un capello che poteva andare dai 40 ai 300 micrometri, ma tra essi ci potrebbero essere gli antenati della maggior parte degli animali.

L’evoluzione dei primi animali è oggetto di discussione perché le varie ipotesi sono supportate da dati limitati. Molti phylum esistenti oggi sembrano essersi evoluti in tempi brevi dal punto di vista biologico nel corso del periodo geologico conosciuto come transizione Ediacarano-Cambriano, tra 635 e 541 milioni di anni fa. I fossili risalenti e quel periodo sono limitati e in particolare quelli appartenenti alla cosiddetta fauna di Ediacara sono oggetto di molte controversie.

Nella regione di Corumbá, nel Brasile occidentale, sono stati scoperti fossili risalenti a quella transizione. Non ci sono fossili di organismi, forse perché i loro corpi non si fossilizzavano, bensì le loro impronte e le loro tane. La loro analisi indica che gli organismi che lasciarono quelle tracce erano parte dell’antichissima meiofauna, che oggi indica organismi acquatici microscopici ma più grandi dei microbi, ed erano bilateri, cioè avevano una simmetria bilaterale come buona parte degli animali odierni.

L’esame dei fossili è stato compiuto sfruttando le moderne tecnologie e in particolare una tecnica di microtomografia a raggi X. Essa consente di esaminare oggetti e crearne un modello tridimensionale virtuale senza la necessità di distruggerli. Ciò ha permesso di creare una mappa virtuale delle tane, che hanno un diametro tra i 50 e i 600 nanometri lasciate da quegli antichi minuscoli organismi.

Secondo i ricercatori, gli animali che crearono quelle tane erano simili a certi nematodi moderni, quelli conosciuti comunemente come vermi cilindrici. Luke Parry, il principale autore dell’articolo, ha spiegato che i fossili degli animali bilateri sono apparsi nel periodo Cambriano ma le tracce fossili studiate in questa ricerca sono più antiche.

Le tracce fossili forniscono informazioni limitate su quegli antichissimi organismi ma indicano che essi avevano già la capacità di muoversi attivamente e di influenzare l’ambiente. Si tratta già di un notevole passo in avanti rispetto a organismi semplici esistiti in precedenza perciò questa scoperta fornisce nuovi indizi su cosa successe in un periodo fondamentale nell’evoluzione della vita sulla Terra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *