Fuzzy Nation di John Scalzi

Fuzzy Nation di John Scalzi
Fuzzy Nation di John Scalzi

Il romanzo “Fuzzy Nation” di John Scalzi è stato pubblicato per la prima nel 2011. È al momento inedito in Italia

Jack Holloway è un cercatore di pietre-luce sul pianeta Zaratustra XXIII, Zara XXIII per semplicità, per conto della Società Zaratustra, ZaraCorp per semplicità. Nel corso del suo lavoro scopre un giacimento di pietre-luce di grande valore che potrebbero fruttargli anche più di quanto pensasse a causa di un cavillo legale derivante dai rapporti complessi con ZaraCorp.

Poco tempo dopo, Jack Holloway si imbatte in piccole creature che chiama Tuttopelo e le mostra alla sua ex-ragazza Isabel, una biologa che lavora per ZaraCorp. I due cominciano a sospettare che i Tuttopelo siano creature intelligenti, un evento che può cambiare notevolmente lo status del pianeta. ZaraCorp ha una concessione basata sul fatto che non sia abitato da creature senzienti, se il livello di intelligenza dei Tuttopelo venisse accertato, l’azienda perderebbe parte del controllo sulle risorse planetarie.

Nota. In mancanza di un’edizione italiana ho usato i termini della traduzioni de “Il piccolo popolo”.

Il romanzo “Fuzzy Nation” è un reboot de “Il piccolo popolo” (“Little Fuzzy”) di H. Beam Piper. Si tratta di un’operazione comune nel mondo del cinema ma praticamente inedita in campo letterario. Questa è nata quasi per caso, scritta da John Scalzi per divertimento e successivamente pubblicata con il permesso dei detentori dei diritti sul romanzo originale.

“Fuzzy Nation” è molto più che un remake de “Il piccolo popolo” dato che la storia originale è stata modificata in molti modi, sia nella trama che nei personaggi. L’autore mantiene il protagonista Jack Holloway ma la sua caratterizzazione è molto diversa e soprattutto più complessa rispetto a quella originale.

John Scalzi è un fan de “Il piccolo popolo” ma il romanzo di H. Beam Piper ha alcuni difetti come ad esempio lo sviluppo davvero scarso dei personaggi. All’inizio degli anni ’60 ciò era accettabile, tanto che il romanzo venne nominato per il premio Hugo, oggi gli stereotipi usati fanno storcere il naso ai lettori.

In “Fuzzy Nation” Jack Holloway è un uomo complesso, un ex avvocato il cui passato viene pian piano rivelato. Per certi versi può essere perfino considerato un anti-eroe dato che la sua personalità ha vari lati oscuri e ciò si vede in particolare nei suoi rapporti con la sua ex ragazza Isabel.

Un altro elemento che John Scalzi sviluppa in maniera molto più approfondita rispetto a H. Beam Piper è la natura e il modo di lavorare di una grossa azienda come ZaraCorp. In effetti, in “Fuzzy Nation” i problemi etici, morali e legali nei rapporti con i Tuttopelo sono solo una parte di quelli più generali legati al normale funzionamento di ZaraCorp.

Ne “Il piccolo popolo” i Tuttopelo sono fin dall’inizio al centro dell’attenzione, in “Fuzzy Nation” la loro presenza sembra inizialmente marginale e solo più avanti diventa importante. Nella prima parte del romanzo di John Scalzi sono i rapporti tra Jack Holloway e ZaraCorp, che significa tra lui e vari dirigenti e altro personale dell’azienza, a essere importanti.

In “Fuzzy Nation”, John Scalzi fa notare che la ragione per cui la maggior parte delle grosse multinazionali esiste è semplice: massimizzare il valore per gli azionisti. Questo è un punto fondamentale nel romanzo perché determina le azioni dei dirigenti di ZaraCorp, sia nei confronti di Jack Holloway che dei Tuttopelo.

Da questi punti di vista, “Fuzzy Nation” è un romanzo davvero solido e ben sviluppato che migliora la storia originale di H. Beam Piper. Attraverso i rapporti interpersonali tra i personaggi umani, il romanzo di John Scalzi ci offre una complessità che va oltre gli stereotipi ed è allo stesso tempo realistica.

Un elemento che al contrario John Scalzi non approfondisce particolarmente è la discussione sulle caratteristiche che rendono una specie senziente. Da questo punto di vista, in “Fuzzy Nation” la questione viene risolta in un modo molto diverso rispetto a “Il piccolo popolo” senza ricorrere a discussioni legati a neuroscienze o altri temi legati al riconoscimento di intelligenze aliene.

Personalmente mi sarebbe piaciuto un maggior approfondimento sul tema dell’intelligenza aliena e su cosa renda una specie senziente ma John Scalzi aveva altre idee per “Fuzzy Nation”, che è un romanzo di lunghezza media per gli standard odierni e con un ritmo generalmente rapido. Se per voi non è un problema, ve ne consiglio la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *