Misteriosi organismi lenticolari vissero oltre 3 miliardi di anni fa

I microfossili della formazione Kromberg (Immagine cortesia Dorothy Oehler)
I microfossili della formazione Kromberg (Immagine cortesia Dorothy Oehler)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Precambrian Research” descrive lo studio comparato di microfossili lenticolari risalenti a circa 3,4 miliardi di anni fa. Dorothy Z. Oehler e Maud M. Walsh hanno iniziato a lavorare su questi microfossili e assieme ad altri ricercatori hanno concluso che quelli trovati nel Cratone di Kaapvaal, in Sudafrica, sono imparentati con quelli trovati nel Cratone Pilbara, in Australia. Probabilmente erano organismi autotrofi che per alcune fasi del loro ciclo vitale vivevano come plancton.

Il Cratone di Kaapvaal e il Cratone Pilbara sono le due ultime aree incontaminate del primo supercontinente esistito sulla Terra, chiamato Vaalbara. Stiamo parlando di un’epoca tra 2,7 e 3,6 miliardi di anni fa, un’epoca talmente lontana che la deriva dei due cratoni li ha portati a migliaia di chilometri di distanza, dove oggi fanno parte di due continenti diversi. Tuttavia, quand’erano uniti esistevano già forme di vita che potevano diffondersi da un cratone all’altro ed è ciò che pensano gli autori di questa ricerca.

Maud M. Walsh della Louisiana State University aveva scoperto microrganismi lenticolari nella formazione Kromberg del Cratone Kaapvaal e aveva inviato alcuni campioni a Dorothy Z. Oehler del Planetary Science Institute di Tucson, Arizona, per un’analisi. Per la prima volta, sono stati confrontati con altri microfossili scoperti nel Cratone Pilbara e ciò ha mostrato molte similitudini.

I microrganismi lenticolari scoperti sia nel Cratone di Kaapvaal che nel Cratone Pilbara sono tra i più antichi microrganismi con una certa complessità scoperti finora dato che i primi sono stati datati attorno ai 3,4 miliardi di anni fa e i secondi tra 3,4 e 3,0 miliardi di anni fa. I ricercatori hanno condotto una serie di analisi isotopiche e hanno confrontato la loro morfologia e i tipi di rocce e ambienti geologici in cui i fossili sono stati trovati.

I fossili sono stati trovati in un tipo di roccia sedimentaria chiamato chert in quelle che anticamente erano acque poco profonde. Essi mostrano già una certa complessità, maggiore di quella di altri organismi di quell’epoca conosciuti. Anche le dimensioni, con la loro lunghezza di alcune decine di micron, sono maggiori rispetto a quelle di tutti gli altri fossili dell’epoca.

Probabilmente si trattava di organismi autotrofi, cioè del tipo in grado di cibarsi di sostanze inorganiche convertendole in quelle organiche necessarie al proprio sostentamento. Secondo i ricercatori, vivevano parte del loro ciclo vitale come il plancton moderno, galleggiando passivamente nei mari in cui vivevano.

Come tanti altri fossili molto antichi, quelli oggetto di questa ricerca non assomigliano a nessun’altro organismo conosciuto. Le tracce trovate nel Cratone Pilbara indicano che sono esistiti per almeno 400 milioni di anni perciò ebbero un notevole successo ma a un certo punto scomparvero.

Nonostante le tecnologie moderne che permettono di effettuare esami impensabili solo pochi anni fa che forniscono dettagli straordinari di microfossili, gli organismi lenticolari oggetto di questa ricerca rimangono ancora per molti versi misteriosi. Forse 3 miliardi di anni fa rappresentarono il picco dell’evoluzione della vita sulla Terra ma poi si estinsero. Non importa quanto successo possa avere, per qualsiasi forma di vita può arrivare un cambiamento che la elimina completamente.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *