Slow Decay di Andy Lane

Slow Decay di Andy Lane
Slow Decay di Andy Lane

Il romanzo “Slow Decay” di Andy Lane è stato pubblicato per la prima volta nel 2007. È inedito in Italia.

Un’indagine su uno sbalzo di energia porta il team di Torchwood in un nightclub dove una rissa è terminata con la morte di alcuni ragazzi. Un congegno alieno che ha una forte influenza sulle emozioni umane sembra aver reso più intensa l’ostilità tra gruppi di ragazzi. Gwen Cooper si porta a casa il congegno per cercare di intensificare le emozioni esistenti tra lei e Rhys, ultimamente un po’ troppo fiacche ma i risultati non sono quelli desiderati.

Mentre il team del Capitano Jack Harkness cerca di capire chi abbia potuto uccidere un Weevil letteralmente mangiandogli la faccia, Gwen e Rhys cercano di far funzionare il loro rapporto. Rhys scopre un nuovo trattamento dimagrante e decide di provarlo sperando di essere più attraente per Gwen dopo aver perso peso.

“Slow Decay” fa parte di una collana di romanzi connessi alla serie “Torchwood“, uno spinoff di “Doctor Who”. Le dimensioni sono quelle dei libri di “Doctor Who” dell’Undicesimo Dottore e successivi ma il font è più piccolo perciò sono più lunghi pur avendo lo stesso numero di pagine. Dati i contenuti, i romanzi di “Torchwood” sono orientati a un pubblico adulto, proprio come gli episodi televisivi.

Questo romanzo ambientato all’inizio della prima stagione televisiva di “Torchwood” riguarda in particolare le difficoltà di Gwen Cooper nell’adattarsi al suo nuovo lavoro. Da questo punto di vista, costituisce un approfondimento di ciò che è stato mostrato negli episodi televisivi raccontando casi indagati dal team del Capitano Jack Harkness che si incrociano con la vita privata di Gwen e Rhys.

Fin dall’inizio di “Slow Decay” si vede lo stile tipico delle storie riguardanti il team di Torchwood con un caso che in apparenza termina rapidamente ma ha conseguenze successive. Un congegno alieno che intensifica le emozioni viene trovato rapidamente perciò il caso sembra risolto anche se ci sono stati vari morti ma Gwen pensa che le potrebbe essere utile per ravvivare il suo rapporto con Rhys.

Come nella serie televisiva, Gwen è la persona più normale nel team di Torchwood e il suo rapporto con Rhys è una parte importante della trama. Entrare a far parte di Torchwood ha significato per Gwen lavorare di più e la sua vita sentimentale ne ha sofferto. Non resiste alla tentazione di risolvere il problema usando un congegno alieno che intensifica le emozioni ma le cose non vanno come lei sperava.

L’uso di tecnologie aliene comprese solo in parte è un altro tema molto presente in “Torchwood”, anche quando l’organizzazione appare in “Doctor Who”. In questi casi l’effetto boomerang è praticamente certo anche quando un congegno alieno viene utilizzato nel corso delle operazioni dell’organizzazione, nonostante ciò i suoi membri possono essere tentati di usare questi congegni anche per scopi personali.

Le azioni di Gwen Cooper finiscono per creare tensione tra lei e Rhys e lui decide di provare a migliorare il loro rapporto perdendo peso per essere più attraente. Un’impiegata della ditta in cui lavora ha recentemente perso parecchi chili grazie a un nuovo trattamento e anche Rhys decide di provarlo.

Sia Gwen che Rhys cercano di far funzionare il loro rapporto nonostante le difficoltà ma ognuno dei due cerca di eliminare i sintomi dei problemi con aiuti esterni. Bisogna tener conto del fatto che “Slow Decay” è ambientato nel periodo in cui Rhys non sa quale sia il nuovo lavoro di Gwen e pensa che lei sia passata a qualche corpo speciale di polizia. Il segreto sulle attività di Torchwood era la vera causa dei problemi tra di loro.

Con lo sviluppo della storia di Gwen e Rhys gli altri membri del team di Torchwood finiscono per essere spesso personaggi secondari in “Slow Decay” e ciò può lasciare molti fan insoddisfatti. In varie occasioni il Capitano Jack Harkness si limita a dire qualche frase qua e là con qualche battuta isolata che non rende giustizia al personaggio.

L’indagine sulla brutale uccisione di un Weevil sembra quasi marginale ma nel corso del romanzo diventa sempre più importante e per certi versi la più intensa con le sue connotazioni horror in certi casi anche esplicitamente splatter. È la parte più prevedibile della trama ma permette a Owen di essere rilevante almeno in una parte della storia. Non è il primo caso di storia di “Torchwood” in cui un elemento narrativo viene usato soprattutto per sviluppare la storia di qualche personaggio.

Secondo me “Slow Decay” ha il pregio di sfruttare gli elementi narrativi tipici di “Torchwood”. La scelta di concentrarsi su Gwen e Rhys ha penalizzato gli altri protagonisti della serie televisiva ma tutto sommato mi sembra un buon romanzo. Se per voi le storie concentrate su Gwen non sono un problema vi consiglio di leggerla.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *