Il Teleocrater rhadinus era un cugino primitivo dei dinosauri che assomigliava a un coccodrillo

Ricostruzione di Teleocrater rhadinus (Immagine Gabriel Lio e cortesia Museo Argentino de Ciencias Naturales
Ricostruzione di Teleocrater rhadinus (Immagine Gabriel Lio e cortesia Museo Argentino de Ciencias Naturales “Bernardino Rivadavia” di Buenos Aires)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive una ricerca sul Teleocrater rhadinus, un rettile carnivoro che visse nel periodo Triassico, circa 245 milioni di anni fa. Un team guidato da Sterling Nesbitt di Virginia Tech ha studiato gli esemplari di questo antico cugino dei dinosauri trovati nel 2015 notando le sue somiglianze con i coccodrilli. Tuttavia, questa specie e altre sue parenti strette sono le più antiche del gruppo che ha dato origine a dinosauri e uccelli e ciò potrebbe cambiare le idee riguardanti la fase iniziale della loro evoluzione.

Il Teleocrater rhadinus è una specie conosciuta da molto tempo dato che i primi fossili vennero scoperti nel 1933 in Tanzania dal paleontologo F. Rex Parringon. Purtroppo si trattava di esemplari parziali e per decenni i paleontologi ebbero un problema fin troppo comune dovendo cercare di classificare questa specie senza conoscerne alcune caratteristiche importanti a causa della mancanza di parecchie ossa. Il risultato fu che solo negli anni ’50 questi fossili ricevettero un nome in seguito allo studio condotto da Alan J. Charig.

La situazione è cambiate solo nel 2015 con la scoperta di nuovi esemplari nella stessa area dei primi. Grazie a quelle nuove ossa che includono alcune assenti nei primi esemplari come ad esempio quelle delle caviglie, è stato possibile per Sterling Nesbitt e per il suo team terminare il lavoro di Charig. La continuità tra i due studi, che pure sono separati da 60 anni, è riconosciuta dal fatto che Charig risulta tra gli autori di quello pubblicato su “Nature”.

I ricercatori hanno potuto stabilire che il Teleocrater rhadinus è uno dei più antichi membri del gruppo degli arcosauri, che include coccodrilli, dinosauri e uccelli. Ciò potrebbe cambiare in modo sostanziale le idee riguardanti i primi dinosauri e i loro parenti perché finora in generale i paleontologi pensavano che si trattasse di creature bipedi delle dimensioni di un pollo. Aver stabilito che un cugino dei dinosauri assomigliava maggiormente a un coccodrillo e aveva una lunghezza tra i 2 e i 3 metri è un risultato sorprendente.

Anche alcune altre specie di rettili che vissero nel Triassico in varie parti del mondo sono state studiate nel corso degli ultimi anni e i paleontologi hanno avuto vari problemi nel classificarle. Lo stesso Sterling Nesbitt ha studiato una di queste specie, chiamata Dongusuchus efremovi: per anni quest’animale era stato escluso dal gruppo degli arcosauri ma ora è stato inserito nel nuovo gruppo di arcosauri che include anche il Teleocrater rhadinus.

Le scoperte di varie specie di rettili del Triassico mostra che all’epoca c’era una diversità tra gli antenati di coccodrilli, uccelli e dinosauri. Per molto tempo la scarsità di fossili dell’epoca aveva costretto i paleontologi a ricorrere a speculazioni riguardanti quella fase dell’evoluzione degli arcosauri ma ora le cose stanno cambiando.

Lo studio del Teleocrater rhadinus non è finito perché i ricercatori intendono andare in Tanzania per cercare altri fossili di quest’animale e magari anche di altre specie. Ogni nuovo osso può fornire nuove informazioni potenzialmente importanti per capire meglio l’evoluzione di vari gruppi di rettili e le parentele tra diverse specie.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *