La vendetta di Chanur di C.J. Cherryh

La vendetta di Chanur di C.J. Cherryh
La vendetta di Chanur di C.J. Cherryh

Il romanzo “La vendetta di Chanur” (“The Kif Strike Back”) di C.J. Cherryh è stato pubblicato per la prima volta nel 1985. È il terzo romanzo del ciclo di Chanur e segue “La sfida di Chanur“. In Italia è stato pubblicato dall’Editrice Nord nel n. 245 di “Cosmo Argento” nella traduzione di Gianluigi Zuddas.

Pyanfar Chanur è finita nel mezzo di una faida tra due hakkikt, due leader appartenenti alla specie kif. Il risultato è che sua nipote Hilfy e l’umano Tully sono stati presi in ostaggio e la priorità numero uno è soccorrerli. È solo il più recente dei problemi per la capitana dell’astronave mercantile “Orgoglio di Chanur”, sempre meno impegnata in commerci e sempre più in problemi politici.

L’unico motivo di sollievo per Pyanfar Chanur è dato dal fatto che suo marito Khym non è più un pesce fuor d’acqua sull’astronave e anzi negli scontri politici si trova più a suo agio essendovi abituato dopo averne vissuti tanti sul pianeta Anuurn. Ogni aiuto è decisamente benvenuto per Pyanfar Chanur perché si è fatta nemici tra gli hani ed è costretta ad accettare alleanze tra i kif.

Il ciclo di Chanur fa parte dell’universo narrativo di C.J. Cherryh chiamato Universo della Lega e della Confederazione in cui sono ambientate molte storie scritte dall’autrice. Esso è ambientato in un’area di spazio lontana dai pianeti protagonisti delle altre storie perciò può essere letto in maniera del tutto autonoma.

“La vendetta di Chanur” riprendere la storia dov’era terminato “La sfida di Chanur”, con Pyanfar Chanur e il suo equipaggio sempre più invischiati negli scontri tra gli interessi delle varie specie del Patto conseguenti al contatto con gli umani. In particolare, sono diventati pedine nella faida interna tra gli infidi kif, una situazione estremamente pericolosa.

“La sfida di Chanur” era terminato in un momento di crisi, con Hilfy e Tully presi in ostaggio dai kif. La priorità per Pyanfar Chanur è di salvarli ma le sue azioni devono basarsi su supposizioni riguardanti amici e nemici con tutte le sfumature che ci sono in mezzo. Per lei e per il suo equipaggio la situazione sembra diventare sempre più complicata perché spesso non sa quali sono i piani e gli interessi dei suoi contatti perciò non sa di chi può fidarsi.

Fin dall’inizio, il ciclo di Chanur è stato ben più di un’avventura tra le stelle e ne “La vendetta di Chanur” il fattore politico diventa fondamentale. I conflitti non riguardano più semplicemente la volontà di aprire o meno rapporti commerciali con gli umani perché la faida interna tra i kif mostra che ci sono fazioni anche all’interno della stessa specie che hanno piani diversi.

La situazione per Pyanfar Chanur è resa ancor più complicata dalla politica interna hani a causa di una fazione che ritiene scandalosa la sua decisione di salvare suo marito Khym portandolo con sé nello spazio. Anche in questo caso però gli interessi economici e politici sono importanti per capire le varie fazioni.

“La vendetta di Chanur” è certamente un romanzo d’azione in cui ci sono anche scontri armati ma la tensione deriva anche dai tentativi di Pyanfar Chanur di districarsi tra rapporti con contatti di varie specie spesso ambigui e a volte difficili da capire. Le varie specie sono davvero aliene l’una per le altre e le difficoltà di comprensione possono creare situazioni pericolose quanto i tentativi di manipolazione messi in atto da qualche personaggio.

Una buona parte del romanzo è costituita da dialoghi tra vari personaggi che spesso sono concitati e ciò contribuisce a mantenere il ritmo veloce. I protagonisti erano stati presentati e sviluppati nei romanzi precedenti le ultime esperienze hanno cambiato alcuni di loro.

Khym è il primo maschio hani a viaggiare nello spazio e inizialmente era necessario tenerlo sotto controllo ma dopo qualche tempo ha cominciato a capire la situazione attorno a lui e ha cominciato a rendersi davvero utile. Hilfy è una giovane hani che inizialmente era molto entusiasta e per certi versi ingenua ma le difficili esperienze l’hanno indurita.

Secondo me “La vendetta di Chanur” continua il ciclo mantenendo la buonissima qualità dei romanzi precedenti. In questo caso c’è una sorta di finale ma lascia molti elementi della trama aperti per essere continuati nel romanzo successivo. Questo romanzo è stato scritto avendo in mente fin dall’inizio una trilogia che è a sua volta il seguito del primo romanzo perciò raccomando di procurarsi tutto il ciclo di Chanur.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *