Il Kamuysaurus japonicus era un dinosauro dal becco d’anatra che visse 72 milioni di anni fa


Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” riporta l’identificazione di una nuova specie di dinosauro dal becco d’anatra che visse circa 72 milioni di anni fa, nel periodo Cretaceo Superiore, nell’odierno Giappone. Un team di paleontologi guidati dal Professor Yoshitsugu Kobayashi del museo dell’Università giapponese di Hokkaido l’ha chiamato Kamuysaurus japonicus e classificato nella famiglia degli adrosauridi dopo aver esaminato lo scheletro quasi completo disponibile.

Nel 2013 la coda parziale di un dinosauro è stata scoperta nello strato esterno del deposito del Cretaceo Superiore della formazione Hakobuchi, nel distretto Hobetsu della città di Mukawa, nell’isola di Hokkaido, in Giappone. La scoperta ha portato a uno scavo mirato che ha permesso di scoprire uno scheletro quasi completo catalogato come HMG-1219 e soprannominato Mukawaryu in onore della città.

L’immagine in alto (Cortesia Kobayashi Y., et al, Scientific Reports, September 5, 2019. Tutti i diritti riservati) mostra lo scheletro del Kamuysaurus japonicus, la sua ricostruzione con le ossa disponibili in bianco e varie ossa. L’immagine in basso (Cortesia Kobayashi Y., et al, Scientific Reports, September 5, 2019. Tutti i diritti riservati) mostra una ricostruzione artistica di questo adrosauride.

I paleontologi che hanno esaminato Mukawaryu hanno confrontato i fossili con 350 ossa e 70 specie della famiglia degli adrosauridi (Hadrosauridae), dinosauri erbivori conosciuti soprattutto per la curiosa appendice che ricorda un becco alla fine del muso per cui sono stati soprannominati dinosauri dal becco d’anatra. In realtà molti di essi avevano anche un’altra caratteristica particolare in creste sopra il capo che avevano varie forme e permettevano di produrre suoni che forse erano richiami.

Secondo i ricercatori, il Kamuysaurus japonicus faceva parte della tribù tassonomica degli Edmontosaurini ed era strettamente imparentato con specie come Kerberosaurus manakini, scoperta in Russia, e Laiyangosaurus youngi, scoperta in Cina. Aveva tre caratteristiche uniche: la posizione bassa della tacca ossea cranica, l’osso mascellare con un corto raggio d’azione e l’inclinazione anteriore delle spine neurali dalla sesta alla dodicesima vertebra dorsale.

L’età di Mukawaryu è stata stimata in almeno 9 anni e la sua lunghezza in circa 8 metri. Gli adrosauridi erano tipicamente bipedi negli anni della crescita mentre gli adulti erano prevalentemente quadrupedi. Nel caso del Kamuysaurus japonicus c’è qualche dubbio sulla sua postura e i ricercatori hanno stimato che quest’esemplare pesasse attorno alle 4 tonnellate se si trattava di un bipede e circa 5,3 tonnellate se si trattava di un quadrupede.

Lo scheletro di Mukawaryu non includeva alcuna cresta ossea sopra il capo ma alcuni elementi ossei connessi all’osso nasale suggeriscono che possa averne avuta una. Le caratteristiche ossee suggeriscono che fosse simile a quella piatta e sottile degli individui giovani di Brachylophosaurus canadensis, i cui fossili sono stati scoperti in Nord America.

Questo studio è significativo anche nella ricostruzione dell’evoluzione degli adrosauridi in vari ambienti. Lo scheletro di Mukawaryu è stato scoperto in un luogo che era vicino al mare, un evento raro per questo tipo di dinosauro ma è possibile che ciò sia stato importante nella diversificazione delle tante specie di questo gruppo e nelle migrazioni in vari continenti grazie a connessioni che sono esistite in diverse epoche. L’identificazione del Kamuysaurus japonicus potrebbe permettere un bel passo in avanti nella ricostruzione della storia di questi curiosi dinosauri.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *