Una ricerca sugli embrioni di pterosauri indica che erano in grado di volare fin dalla nascita


Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences” riporta le prove che gli pterosauri erano in grado di volare fin dalla nascita. Il dottor David Unwin, un paleobiologo dell’Università di Leicester, e il dottor Charles Deeming, un zoologo dell’Università di Lincoln, hanno studiato embrioni fossili di pterosauri alla base dell’idea che potessero volare solo dopo essere cresciuti e li hanno confrontati con embrioni di uccelli e coccodrilli concludendo che erano solo all’inizio del loro sviluppo. La scoperta in Cina e Argentina di embrioni fossili che stavano per uscire dalle uova ha fornito prove che gli pterosauri potevano volare fin dalla nascita.

L’idea che gli pterosauri dovessero crescere come gli uccelli e i pipistrelli prima di poter volare deriva dal ritrovamento di embrioni fossili in Cina che avevano ali poco sviluppate. I dottori David Unwin e Charles Deeming hanno messo alla prova quell’idea esaminando uova fossili della specie Hamipterus tianshanensi confrontandole con quelle appartenenti ad altre specie di pterosauri e a embrioni di uccelli e coccodrilli per confrontarne lo sviluppo.

I due ricercatori hanno analizzato dimensioni e forma delle uova di Hamipterus tianshanensi, che in precedenza erano state considerate a una fase di sviluppo simile. La loro analisi ha però mostrato la varietà di dimensioni e in generale uova piccole e strette indicano embrioni ai primi stadi mentre uova grandi e più rotonde indicano embrioni nelle fasi finali di sviluppo. Il confronto con embrioni di animali volanti come gli uccelli e con quelli dei loro cugini coccodrilli indica che le ossa degli pterosauri erano a una fase di sviluppo più avanzata che includeva strutture ossee importanti per il volo.

L’immagine (Cortesia James Brown. Tutti i diritti riservati) mostra un concetto artistico di paesaggio di 124 milioni di anni fa, nel periodo Cretaceo inferiore, dove uno pterosauro emerge dalla sabbia. Altri pterosauri neonati sono stesi sulla spiaggia o strisciano verso un luogo sicuro tra gli alberi. Un Sinosauropteryx ha catturato uno pterosauro neonato e lo sta mangiando.

Questo scenario indica che gli pterosauri potevano sfuggire ai dinosauri carnivori fin dalla nascita anche se in quel gruppo di rettili c’era una cura della prole scarsa se non nulla. Tuttavia, la selezione naturale rimaneva probabilmente notevole e solo i neonati che riuscivano a controllare il volo per primi riuscivano a sopravvivere.

In realtà mancano dati riguardo alla muscolatura degli embrioni di pterosauri perché quei tessuti molli non si sono conservati. Secondo i ricercatori è difficile stimare la massa dei loro muscoli ma ritengono che avrebbe poco senso che avessero sviluppato un adattamento al volo nel loro scheletro in una fase così precoce dello sviluppo se non fossero stati in grado di sfruttarlo fin dalla nascita.

Questa precocità nel volo potrebbe spiegare l’enorme apertura alare che potevano raggiungere varie specie di pterosauri. Grandi ali avrebbero costituito un ostacolo per animali non in grado di volare, un problema che non si pone per animali in grado di volare dalla nascita e quindi con ali utili da subito che crescevano assieme a questi rettili.

Ci sono ancora punti da chiarire sui processi di sviluppo degli pterosauri ma questa ricerca mostra una possibilità davvero interessante. La disponibilità di parecchie uova di pterosauro da esaminare e confrontare potrebbe aver offerto una chiave per comprendere molto meglio i primi vertebrati volanti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *