Engine City di Ken MacLeod

Engine City di Ken MacLeod
Engine City di Ken MacLeod

Il romanzo “Engine City” (“Engine City”) di Ken MacLeod è stato pubblicato per la prima volta nel 2003. È il terzo libro della trilogia delle Macchine della Luce e segue “Luce nera“. In Italia è stato pubblicato da Mondadori nel n. 1549 di “Urania” e nel n. 193 di “Urania Collezione” nella traduzione di Marcello Iatosti.

Antichi cosmonauti hanno ridato agli esseri umani la possibilità di volare tra le stelle senza dover ricorrere ai servizi di sauri e kraken e sono riusciti anche a comunicare per conto loro con uno degli dei. Hanno anche ricevuto un avvertimento riguardante nemici che vogliono sconvolgere un equilibrio che esiste da un tempo lunghissimo.

Varie specie di ominidi sono state trasportate nella Seconda Sfera e hanno costruito nuove città su vari pianeti. Nova Babylonia è la più grande tra queste città e diventa il centro di una nuova serie di cambiamenti che seguono sia interventi umani che quelli di una nuova specie aliena che sembra avere molto da offrire.

“Engine City” è il romanzo conclusivo di una trilogia che include una serie di grandi idee mescolate assieme in modo non sempre omogeneo. L’inizio è una sorta di riassunto di ciò che è avvenuto non solo nei primi due romanzi ma anche dei retroscena di una storia più grande con particolare attenzione riguardo al ruolo degli dei, tanto che mi viene la tentazione di consigliare di leggere solo questo romanzo.

Ken MacLeod ha impiegato due romanzi per fornire un po’ di chiarimenti sulla natura degli dei e sui loro rapporti con le altre specie senzienti presenti nella Seconda Sfera. Finalmente una grande storia che attraversa uno spazio e un tempo immensi ha una serie di riferimenti che chiariscono vari eventi, l’atteggiamento dei sauri, la presenza di vari ominidi tra le stelle e molto altro. A questo punto, l’autore aggiunge una nuova specie di alieni che si dichiarano amici ma raccolgono scetticismo se non ostilità da una parte della popolazione.

Nel corso della trilogia, Ken MacLeod ha sfruttato in vari modi il folklore includendo specie che ricordano antiche leggende e i sauri sono sostanzialmente i grigi che si vedono nelle storie ufologiche. In “Engine City” ha sfruttato in modo ancor maggiore quel tipo di storie nel raccontare certi modi di agire degli octopodi, i nuovi alieni che hanno una parte importante in questa parte finale della trilogia delle Macchine della Luce.

Non sarebbe un romanzo di Ken MacLeod se non ci fossero rivoluzioni e guerre civili. In questo caso il problema è che a volte i grossi cambiamenti vengono semplicemente menzionati dopo che sono avvenuti. La scelta di scrivere romanzi che hanno una lunghezza limitata per gli standard odierni comporta la necessità di scegliere cosa raccontare e può costituire un limite per una serie come quella delle Macchine della Luce, che include tanti temi e segue vari personaggi su diversi pianeti. In varie occasioni protagonisti sono al centro di eventi importanti che vengono solo menzionati, in particolare il cosmonauta Volkov, mentre vengono raccontati altri eventi di cui personaggi sono solo testimoni.

Nonostante ciò, “Engine City” mi è parso il romanzo più equilibrato della trilogia delle Macchine della Luce nel senso che gli elementi politici e sociali sono meno pesanti, anche se rispetto ai romanzi precedenti cambia la quantità di spazio dedicata ad essi. Alla fine, sembra che nelle società umane sia impossibile evitare il caos perciò una società statica decade fino al collasso ma quando in una società ci sono cambiamenti essi portano tipicamente a scontri violenti.

Questi temi hanno meno spazio in “Engine City” anche grazie all’importanza degli octopodi. I rapporti tra esseri umani e altre specie erano centrali anche nei primi due romanzi, tanto che il sauro Salasso è un personaggio importante, ma nel terzo romanzo gli octopodi intervengono attivamente nella Seconda Sfera cambiando tutti gli equiliibri.

La trilogia delle Macchine della Luce finisce con parecchi colpi di scena e forti cambiamenti nella Seconda Sfera. Nova Babylonia rappresentava un esempio della civiltà costruita dagli esseri umani discendenti di quelli arrivati dalla Terra e ne mostrava i limiti. Quando Volkov parla all’Accademia delle Scienze offrendo il suo aiuto per riscoprire i segreti del trattamento di longevità è chiaro quanto gli scienziati della città siano più simili ai filosofi del Medio Evo terrestre che ai ricercatori del XX e XXI secolo. L’arrivo degli octopodi cambia tutto.

Anche il finale di “Engine City” è piuttosto aperto, come i romanzi precedenti, ma Ken MacLeod non ha scritto altri seguiti a questa serie. Se vi sono piaciuti i primi due romanzi, secondo me questo libro finale è da leggere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *