The Dome di Stephen King

The Dome di Stephen King (Edizione britannica)
The Dome di Stephen King (Edizione britannica)

Il romanzo “The Dome” (“Under the Dome”) di Stephen King è stato pubblicato per la prima volta nel 2009. In Italia è stato pubblicato da Sperling & Kupfer nella traduzione di Tullio Dobner.

Chester’s Mill è una normale cittadina del Maine finché un giorno una cupola trasparente la ricopre completamente. La sua origine è sconosciuta e l’unica attività che mostra consiste nel far esplodere tutti gli apparecchi elettronici che si avvicinano troppo, per il resto è una barriera passiva in cui sembra impossibile far breccia.

L’isolamento di Chester’s Mill diventa subito un’opportunità per James “Big Jim” Rennie, uno dei consiglieri della città, per affermare il suo potere. Approfittando delle debolezze degli altri consiglieri e della morte del capo della polizia, il cui pacemaker è esploso nelle vicinanze della Cupola, trasforma rapidamente la polizia nella sua milizia personale. Dale “Barbie” Barbara, un ex militare, e Julia Shumway, la proprietaria del giornale cittadino, sono trai pochi a opporsi a lui.

Stephen King cominciò a sviluppare l’idea alla base di “The Dome” nel 1972 ma lo abbandonò e il manoscritto andò perduto. Ci riprovò un decennio dopo ma anche stavolta non fu contento del risultato e ne pubblicò alcune parti solo nel 2009 per dimostrare che non aveva copiato il concetto della Cupola da “I Simpson – Il film” del 2007, in cui è Springfield a essere coperta da una cupola trasparente.

L’idea è di descrivere i comportamenti di persone che si trovano improvvisamente intrappolate all’interno di una cupola di cui è impossibile capire l’origine e la natura e nessuno sa se e quando sparirà. Inizialmente, l’evento genera caos, anche perché alcune persone rimangono vittima delle conseguenze dell’apparizione della Cupola e ci sono famiglie che rimangono divise perché una parte della popolazione era fuori città.

Il romanzo descrive una progressiva presa di potere da parte di Big Jim Rennie, che apparentemente è un venditore di auto usate che non perde mai l’occasione di mostrare che è un buon cristiano. Tra le sue opere c’è stata la raccolta di fondi per costruire una nuova chiesa per la popolazione di Chester’s Mill, che in realtà è stata finanziata anche con la seconda attività di Big Jim, la produzione e il traffico di metanfetamina. Big Jim interpreta l’apparizione della Cupola come un segno divino, una benedizione dei suoi piani.

Big Jim Rennie è ispirato a Dick Cheney e il primo consigliere di Chester’s Mill, il debole e incompetente Andy Sanders, è ispirato a George W. Bush. Nonostante ciò, l’elemento politico non è pesante perché Stephen King sviluppa “The Dome” soprattutto attraverso dinamiche basate su rapporti personali tra i vari personaggi. La storia si svolge in una piccola città dove tutti si conoscono perciò c’è una complessa rete di rapporti con parecchie persone che devono favori a Big Jim, che comincia subito ad approfittarne dopo l’apparizione della Cupola.

Il principale nemico di “Big Jim” Rennie è Dale “Barbie” Barbara, un ex militare che per un po’ ha vissuto a Chester’s Mill. I soprannomi dei due antagonisti sono un tocco di umorismo da parte di Stephen King. Barbie voleva andarsene dalla città dopo una rissa con il figlio di Big Jim, un teppistello che non sa di avere un tumore al cervello che lo sta facendo diventare sempre più violento, e i suoi amici ma rimane bloccato dalla Cupola. Il suo ex ufficiale superiore, il Colonnello James Fox, riprende i contatti con lui per cercare di risolvere la situazione in città ma le forze armate americane sembrano impotenti contro la Cupola.

L’incapacità dei militari di far breccia nella Cupola non fa che stimolare ancor di più i piani di Big Jim Rennie, che espande la polizia locale usandola come una milizia personale. L’elemento fantascientifico viene usato da Stephen King soprattutto per sviluppare quella che è per certi versi una distopia in cui una tranquilla cittadina si trasforma molto rapidamente in una dittatura. I nuovi poliziotti sono persone meschine e poco intelligenti che approfittano del potere che hanno ricevuto e agiscono in modo criminale.

Ci sono molti personaggi in “The Dome” ma solo alcuni sono davvero sviluppati. Molti di essi rappresentano le varie reazioni all’apparizione della Cupola, da quelli che vengono manipolati da Big Jim Rennie a quelli che vanno nel panico, da quelli che si oppongono a Big Jim a quelli che cercano un modo per far breccia nella Cupola o di trovarne l’origine. Ciò dà realmente l’impressione che si tratti della storia di un’intera città, d’altra parte a volte è piuttosto pesante perciò si tratta di un romanzo che può piacere soprattutto a chi ama le storie davvero articolate.

Il finale probabilmente rispecchia l’opinione di Stephen King sui danni che può fare un certo tipo di politico. Per quanto riguarda l’elemento fantascientifico, chissà se rispecchia la sua opinione su quanto le vicende umane contino in una prospettiva molto più ampia della Terra?

Qualche anno fa una serie televisiva è stata tratta da “The Dome” ma ci sono varie differenze nei personaggi e soprattutto la trama viene sviluppata in maniera molto diversa. Personalmente l’ho trovata assolutamente mediocre, con molte forzature nella trama.

Secondo me “The Dome” non è tra i migliori romanzi di Stephen King ma se non vi spaventano i libri molto lunghi e storie che a volte sono davvero brutali vi potrebbe piacere.

24 Comments


  1. Adoriamo questo genere di libri, e siccome leggere è una passione e i libri di divoriamo ecco un nuovo titolo!

    Reply

  2. non conoscevo questo romanzo di stephen king perché ultimamente non lo seguo più come da adolescente. grazie per la bella intro mi sa che provo a leggerlo mi incuriosisce!

    Reply

  3. leggo molto, ma questo romanzo non lo conoscevo. Grazie per le info…

    Reply

  4. Non è proprio il mio genere ma devo dire che la recensione è super professionale e molto curata, gli amanti di Stephen King apprezzeranno di certo.

    Reply

    1. Grazie per l’apprezzamento, se la recensione è utile a chi non segue regolarmente Stephen King allora è un successo.

      Reply

  5. ho letto alcuni libri di Stehen King, e devo dire che sono tutti dei “mappazzi”, ma mi piace come scrive e quel senso di “chissà cosa accadrà” che lo caratterizza. Non conoscevo the Dome, la trama non mi attira moltissimo, ma essendo di King forse mi piacerà

    Reply

    1. Questo romanzo contiene comunque alcuni elementi tipici di Stephen King ma in una cornice diversa da quelle tipiche, basate su temi horror.

      Reply

  6. È un titolo del maestro che non ho letto. Però non sembra eccezionale. Vedrò.

    Reply

    1. Certe scelte di Stephen King hanno diviso i lettori. Non aiuta il fatto che sia uno dei suoi romanzi più lunghi ed è tutto dire visto che tende a scrivere romanzi davvero lunghi.

      Reply

  7. Io adoro Stephen King , adoro il suo genere e i libri che ha scritto li ho quasi tutti….. Dico quasi perchè questo mi manca ma devo assolutamente rimediare

    Reply

  8. La tua recensione mi ha incuriosito. Più che altro per le coincidenze che si sono verificate a livello creativo tra mondi apparentemente lontani, come la letteratura di genere di Stephen King e i cartoons, in momenti diversi.

    Reply

    1. Si, è una coincidenza curiosa ma a volte le idee vengono sviluppate in maniere simili in modo indipendente da diversi autori.

      Reply

  9. Stephen King ha una mentalità contrastante e contorta, non riesco a leggere molto i suoi libri 🙂 però mi hai incuriosita, ci daro’ un’occhiata. 😉

    Reply

  10. Ho finito di leggere da poco un thriller di uno scrittore italiano. Adoro certi racconti! King poi è un genio!

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *