Il Ledumahadi mafube è un dinosauro gigante che visse 200 milioni di anni fa

Le ossa di Ledumahadi mafube e i dettagli geografici dell'area del ritrovamento (Immagine cortesia McPhee et al)
Le ossa di Ledumahadi mafube e i dettagli geografici dell’area del ritrovamento (Immagine cortesia McPhee et al)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Current Biology” descrive la scoperta di una nuova specie di dinosauro gigante in Sud Africa. Chiamato Ledumahadi mafube dal team che l’ha esaminato, guidato dal Professor Jonah Choiniere, era un sauropode erbivoro che aveva un peso stimato attorno alle 12 tonnellate per un’altezza stimata a circa quattro metri ai fianchi. Nel periodo Giurassico inferiore in cui visse era il più grande animale del mondo sulla terraferma.

I sauropodi (Sauropoda) costituiscono un gruppo di dinosauri erbivori emersi nel Triassico superiore che includono il celebre Brontosauro e altri giganti dal collo molto lungo. In realtà, c’erano specie di sauropodi la cui lunghezza era inferiore ai 10 metri ma di alcune specie è difficile valutare le reali dimensioni perché sono state trovate solo poche ossa o addirittura orme fossili.

Nella provincia del Sud Africa chiamata in inglese Free State c’è la formazione Elliot, dove sono stati scoperti molti fossili, soprattutto di dinosauri risalenti a un periodo tra 190 e 210 milioni di anni fa. Tra i tanti è stato scoperto alcune ossa di vertebre e arti di un esemplare di quello che è stato chiamato Ledumahadi mafube. Anche se così incompleto, quello scheletro ha offerto molte informazioni ai ricercatori guidati dal Professor Jonah Choiniere dell’Università del Witwatersrand (Wits).

L’analisi delle ossa, che include misure degli arti, e il confronto con specie estinte ed esistenti ha permesso di ottenere alcune conclusioni oltre alle stime delle sue dimensioni e del suo peso. I ricercatori ritengono che l’esemplare di Ledumahadi mafube scoperto fosse un adulto che aveva raggiunto le massime dimensioni possibili per un’età stimata attorno ai 14 anni al momento della morte.

Le conclusioni più interessanti sono quelle che riguardano gli arti e l’adattamento alla postura quadrupede del Ledumahadi mafube. I sauropodi successivi erano quadrupedi ma molti altri animali imparentati con questo dinosauro erano bipedi, come quelli del genere Massospondylus. Altri suoi parenti si erano adattati a una postura quadrupede in precedenza, mostrando che essa si è evoluta più volte e prima di quanto si pensasse nel passato.

In conclusione, questa ricerca non solo ha studiato un dinosauro interessante perché offre nuove informazioni sull’evoluzione dei sauropodi giganti e delle specie iconiche come il Brontosauro ma mostra anche molto altro. Il confronto con altri sauropodi suggerisce una diversificazione molto maggiore di quella conosciuta. La scoperta del Ledumahadi mafube si aggiunge alle conoscenze della fauna locale di 200 milioni di anni fa mostrando che all’epoca c’era un ecosistema molto vitale nell’odierno Sud Africa.

Ricostruzione di Ledumahadi mafube (Immagine cortesia Viktor Radermacher, University of the Witwatersrand)
Ricostruzione di Ledumahadi mafube (Immagine cortesia Viktor Radermacher, University of the Witwatersrand)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *