Il ritorno di Richard Larson

La ragazza fantasma di Richard Larson
La ragazza fantasma di Richard Larson

Il racconto breve “Il ritorno” (“Your Own Way Back”) di Richard Larson è stato pubblicato per la prima volta nel 2013. In Italia è stato pubblicato da Future Fiction all’interno dell’antologia in italiano e inglese “Ghost Girl – La ragazza fantasma” nella traduzione di Lorenzo Crescentini.

La mente del nonno di Elliot è in una rete neurale all’interno di casa sua ma si sta degradando. Una delle possibili soluzioni, seppur solo per il tempo necessario al suo clone per crescere, è quella di trasferirla nel cervello di Elliot. In questo modo, nonno e nipote si trovano ad avere un rapporto unico.

“Il ritorno” ci mostra quali potrebbero essere le dinamiche all’interno di una famiglia in un futuro in cui la tecnologia è in grado di ricreare una persona morta registrandone la mente in un chip in modo temporaneo per poi trasferirla nuovamente, stavolta in un nuovo corpo clonato per l’occasione. Ci vuole tempo per ottenere quel risultato e nel frattempo la registrazione del chip dev’essere mantenuta attiva, pena un degrado che finisce per distruggerla.

In questo futuro dove gli impianti neurali sembrano diventati la norma, a Elliot viene impiantato il chip che contiene la mente di suo nonno perché il suo cervello è migliore della rete neurale di casa per mantenerlo integro. Ciò significa che lui e suo nonno possono parlarsi mentalmente, una situazione unica.

Richard Larson non si pone il problema filosofico dell’identità della persona sottoposta a quel trattamento. In sostanza, non gli interessa che la mente del nonno di Elliot sia una copia da trasferire in un clone, quindi anch’esso una copia. È invece interessato a sviluppare, soprattutto attraverso il rapporto tra nonno e nipote, le emozioni delle persone di fronte a quella possibilità di rimandare in qualche modo la morte.

Quelle conversazioni interiori e altre informazioni forniscono un quadro su quella società futura e sui cambiamenti che alcune tecnologie potrebbero avere sulla famiglia. L’autore avrebbe potuto sviluppare molti spunti riguardanti le possibilità di sconfiggere o almeno di ritardare la morte ma sarebbe servita un’opera decisamente più lunga.

La conseguenza è che “Il ritorno” è limitato nel descrivere le scelte connesse a vita e morte conseguenti a certi sviluppi tecnologici. Secondo me funziona meglio per quanto riguarda il legame che si forma tra Elliot e suo nonno e i modi di affrontare la morte all’interno di una famiglia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *