Terminal World di Alastair Reynolds

Terminal World di Alastair Reynolds
Terminal World di Alastair Reynolds

Il romanzo “Terminal World” di Alastair Reynolds è stato pubblicato per la prima volta nel 2010. È inedito in Italia.

Quillon è un angelo modificato per riuscire a sopravvivere ai livelli inferiori della costruzione chiamata Spearpoint, dove gli stati di energia non permettono alla sua gente di vivere. La sua vita ormai è tra gli esseri umani comuni ma dopo anni in cui lavora come patologo gli viene portato un angelo morente che gli rivela che una fazione della loro gente vuole trovarlo.

Certo che gli angeli non vogliano nulla di buono per lui, Quillon si rivolge a Fray, l’unico umano che conosce il suo segreto e che lo ha aiutato nella sua copertura grazie al giro di contatti e di servizi non esattamente legali che gestisce. Fray gli spiega che l’unica speranza è cambiare aria e gli procura i servizi di Meroka, una specialista di quel tipo di missioni. Durante la fuga, si imbattono in Kalis, una donna con una strana figlia, Nimcha, poco dopo un violento cambiamento delle zone con diversi stati di energia.

Alastair Reynolds è conosciuto soprattutto come scrittore di space opera ma con “Terminal World” ha creato un universo narrativo che mischia altri sottogeneri della fantascienza. L’inizio è ricco di misteri perché la storia di Quillon inizia in una costruzione colossale in cui vive un’intera popolazione di umani e, ai livelli più alti, di postumani chiamati angeli.

Tramite una serie di riferimenti e dettagli messi qua e là, il lettore scopre le varie zone, dove diversi stati di energia permettono diversi livelli di tecnologia e per certi versi anche di vita biologica. Nessuno comprende la natura delle zone né i motivi per cui a volte ci possono essere delle “tempeste” che le modificano e quella che avviene all’inizio del romanzo è particolarmente violenta.

Pian piano, vengono rivelati maggiori dettagli su Quillon, sugli angeli e sul mondo esterno di Spearpoint, una sorta di terra post-apocalittica dove varie fazioni si scontrano per il controllo delle scarne risorse. L’ambientazione in zone dove la tecnologia funzionante è di livello medio-basso dà a “Terminal World” un tono steampunk che include cyborg di vari tipi non proprio convenzionali.

Ci sono i misteri di fondo riguardanti quel mondo e cosa sia successo per far emergere quel tipo di civiltà e soprattutto le zone con diversi stati di energia che non sono fisse e i cui spostamenti possono essere molto pericolosi. Nel corso del romanzo vengono forniti riferimenti al passato ma si tratta spesso di leggende risalenti a millenni prima in cui è difficile separare fatti da distorsioni. Le antiche conoscenze sono andate dimenticate perciò nulla riguardo a quel mondo è certo.

La violenta tempesta delle zone che avviene poco dopo l’inizio della fuga di Quillon rappresenta un momento di crisi, anche perché avviene in un periodo di cambiamenti climatici all’esterno di Spearpoint. Anche in questo caso, nessuno capisce cosa stia succedendo e non è chiaro cosa sappiano gli angeli perché per compiere la sua missione a Quillon sono state impiantate memorie false al posto delle sue.

In questa situazione, Quillon è più che altro un catalizzatore, nel senso che nel corso del romanzo incontra una serie di persone che risultano fondamentali per offrire una speranza di un futuro migliore. Nella sua vita come umano comune, Quillon è un medico e cerca sempre di salvare le persone in difficoltà ma non è un eroe e spesso si trova al posto giusto nel momento giusto per pura coincidenza.

Secondo me, il personaggio più interessante di “Terminal World” è Ricasso, il leader di un gruppo di capitani di aeronavi che rappresenta una forza importante per mantenere l’ordine in una vasta area all’esterno di Spearpoint. È per certi versi simile a certi monarchi rinascimentali che erano interessati alla cultura del passato e allo stesso tempo finanziavano artisti, filosofi e inventori del loro tempo.

La presenza di Ricasso è fondamentale anche per sviluppare vari temi legati a politica e società in quell’ambiente post-apocalittico. Non c’è solo una contrapposizione tra ordine e caos ma anche una discussione sulle possibili forme di ordine. Non è il tema principale del romanzo ma permette uno sviluppo della storia oltre la semplice avventura.

È importante sapere che alla fine di “Terminal World” non tutto viene spiegato riguardo al mondo in cui è ambientato, anzi ci sono solo alcune parziali rivelazioni e molte cose rimangono senza spiegazione. Vari dettagli relativi a quel mondo sembrano contraddittori e ciò può essere dovuto alla conoscenza molto limitata e confusa del loro passato che quegli umani del futuro hanno con la conseguenza di creare ulteriori dubbi.

Questa scelta può essere un problema per alcuni lettori e Alastair Reynolds ha dichiarato che non prevede di scrivere seguiti a “Terminal World” per offrire ulteriori chiarimenti. Sul suo blog ha pubblicato tre frammenti tagliati in fase di revisione del romanzo riguardanti la vita di Quillon.

Personalmente preferisco le space opera di Alastair Reynolds ma “Terminal World”, dopo un inizio un po’ ostico, mi è parso un buon romanzo con molta azione in una trama che è più che un’avventura. Per questo motivo, se vi intrigano le premesse ve ne consiglio la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *