Frammenti fossili di pelle di dinosauri piumati portano nuovi dati sull’evoluzione degli uccelli

Frammenti di pelle fossile
Frammenti di pelle fossile

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Communications” descrive una ricerca sulla pelle di dinosauri piumati. Un team di ricercatori ha esaminato frammenti di pelle fossile di esemplari di alcune specie scoperte nella Cina nord-orientale: Microraptor, Beipiaosaurus e Sinornithosaurus assieme a un uccello primitivo del genere Confuciusornis. La conclusione è che quei dinosauri perdevano la pelle in pezzetti, come gli uccelli moderni, e non tutta assieme come molti rettili moderni.

Nel corso degli ultimi decenni una serie di scoperte e l’aiuto di tecnologie moderne stanno permettendo di ricostruire l’evoluzione dei dinosauri in uccelli, seppure lentamente. Soprattutto in Cina la scoperta di molte specie di dinosauri piumati e uccelli primitivi continua a fornire nuove informazioni. Quello che è stato chiamato biota di Jehol, dal nome della provincia cinese in cui sono stati trovati quei fossili, è un antico ecosistema in cui tra 133 e 120 milioni di anni fa circa vissero anche molte specie importanti per capire quella transizione.

Un team di paleontologi di UCC (University College Cork), in Irlanda, intendeva studiare fossili di dinosauri piumati del Cretaceo. Quelli del biota di Jehol sono ideali per lo stato di conservazione che permette lo studio del piumaggio usando tecnologie moderne come l’analisi al microscopio elettronico ma anche di tipo chimico.

Gli esemplari di dinosauri esaminati dai ricercatori appartengono ai generi Microraptor, che includeva alcuni tra i più piccoli dinosauri conosciuti, Beipiaosaurus, che includeva alcuni tra i più grandi dinosauri piumati, e Sinornithosaurus, che includeva dinosauri piumati piuttosto piccoli. A essi hanno aggiunto un esemplare del genere Confuciusornis, un uccello primitivo delle dimensioni di un corvo, il più antico trovato finora ad avere un becco.

Studiando il piumaggio degli esemplari, i ricercatori hanno finito per trovare piccoli grumi di materiali presenti tra le piume e hanno cominciato ad analizzarne dei frammenti. È risultato che si trattava di resti di cellule chiamate corneociti, presenti nello strato esterno della pelle che vengono periodicamente sostituite.

L’immagine (cortesia Maria McNamara et. al. / Nature Communications) mostra immagini di frammenti di pelle esaminati al microscopio elettronico di Confuciusornis (a, e, f), Beipiaosaurus (b, g), Sinornithosaurus (c, h) e Microraptor (d). In sostanza, si tratta di frammenti di pelle perduta dagli esemplari esaminati molto simili a quelli degli uccelli moderni. La differenza è che i corneociti dei dinosauri non mostrano tracce di grassi, invece presenti nelle cellule degli uccelli moderni. Ciò suggerisce che quei dinosauri non si scaldavano quanto gli uccelli moderni.

Secondo Maria McNamara, prima autrice dell’articolo, quel meccanismo di perdita della pelle si è evoluto in seguito alla presenza del piumaggio, probabilmente attorno alla metà del periodo Giurassico. In quell’epoca ci furono rapidi cambiamenti che portarono all’emergere di molte specie di dinosauri piumati. Anche i frammenti di pelle aiutano a ricostruire quell’evoluzione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *