The Pirate Loop di Simon Guerrier

The Pirate Loop di Simon Guerrier
The Pirate Loop di Simon Guerrier

Il romanzo “The Pirate Loop” di Simon Guerrier è stato pubblicato per la prima volta nel 2007. È inedito in Italia.

Il Decimo Dottore ha raccontato a Martha Jones la storia della misteriosa scomparsa dell’astronave Brilliant in un momento di pericolo. Quando lei gli chiede di andare a vedere cosa fosse successo dopo lo scampato pericolo, il Dottore accetta di andare a indagare.

L’arrivo del Tardis sull’astronave è molto movimentato. Il Dottore si rende conto che nella sala motori della Brilliant c’è un qualche tipo di distorsione spazio-temporale. I viaggiatori cercano di raggiungere il ponte di comando per ottenere maggiori informazioni ma la distorsione sta creando problemi sull’astronave. Come se non bastasse, a bordo sono arrivati pirati pronti a uccidere equipaggio e passeggeri.

“The Pirate Loop” fa parte di una collana di romanzi connessi alla nuova serie di “Doctor Who”. Essi sono orientati ad un ampio pubblico essendo abbastanza lineari da essere apprezzati anche da lettori molto giovani ma abbastanza sofisticati da poter interessare anche lettori più maturi.

Per una volta, il Dottore non si imbatte in un mistero per caso o perché qualcuno ha chiesto il suo aiuto ma è la sua compagna, in questo caso Martha Jones, a essere diventata curiosa dopo che lui le ha raccontato la storia della misteriosa scomparsa dell’astronave Brilliant o almeno ciò che si sapeva su di essa e gli chiede di indagare su di essa. Ovviamente l’indagine è tutt’altro che semplice.

Già l’arrivo del Tardis sulla Brilliant è uno di quelli movimentati e la situazione per il Dottore e Martha Jones diventa rapidamente complicata. Simon Guerrier presenta i vari problemi con un motore sperimentale che ha creato una distorsione spazio-temporale, un sistema di teletrasporto interno che non funziona correttamente e la presenza di pirati a bordo.

Ciò permette all’autore di fornire in pochissimi capitoli tutte le basi della trama e di entrare nella sua parte principale. La presenza di anomalie spazio-temporali porta a strani eventi perché si tratta decisamente di un caso dove non c’è una rigida progressione di causa ed effetto. Il senso di ciò che sta accadendo non è difficile da capire, soprattutto per i lettori con una certa esperienza nel campo della fantascienza.

La trama di “The Pirate Loop” è sviluppata soprattutto tramite le interazioni tra i vari personaggi e alcuni di quelli creati per il romanzo sono importanti. In questo modo Simon Guerrier riesce a dare una certa profondità almeno ad alcuni di essi, un elemento positivo anche per la presenza di varie specie aliene.

Ci sono casi di storie di “Doctor Who” con personaggi sopra le righe, a cominciare dal Dottore. È il caso di “The Pirate Loop”, dove i pirati sono sostanzialmente tassi senzienti con comportamenti spesso buffi. Sono anche pronti a uccidere chiunque li infastidisca mentre cercano di impadronirsi della Brilliant ma quest’elemento viene smorzato dalle circostanze particolari che trovano sull’astronave.

Tutto ciò rende il tono del romanzo tendenzialmente leggero ma dietro la commedia ci sono anche alcuni temi importanti. I libri di questa collana hanno una lunghezza limitata ma Simon Guerrier riesce a sviluppare varie sfumature legate a temi etici e morali inclusi nella storia.

Uno dei risultati è che la divisione tra buoni e cattivi non è affatto netta. Nel corso del romanzo, il Dottore e Martha Jones incontrano i pirati e gli ufficiali della Brilliant e si rendono conto che la situazione è più complessa di quanto potesse sembrare subito dopo il loro arrivo.

Superficialmente, “The Pirate Loop” può sembrare un romanzo per ragazzi godibile ma niente di più tuttavia con il progredire della trama mostra un livello di lettura più profondo. Da questo punto di vista è simile a tanti episodi televisivi e, assieme alla caratterizzazione dei protagonisti, è ciò che secondo me lo rende sopra la media. Se siete interessati ai romanzi legati alla nuova serie di “Doctor Who” secondo me è uno di quelli da leggere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *