Gli Homo naledi avevano un cervello piccolo ma per molti versi simile a quello degli Homo sapiens

Due crani parziali di Homo Naledi (Immagine cortesia John Hawks)
Due crani parziali di Homo Naledi (Immagine cortesia John Hawks)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences” descrive una ricerca sulle possibili caratteristiche del cervello degli ominini chiamati Homo naledi scoperti nel 2013 in Sud Africa. Un team di ricercatori ha sottoposto a scansione laser sette frammenti dei crani ritrovati per creare un modello tridimensionale che permettesse di riprodurre le impronte dei loro cervelli. Il risultato è che quei cervelli erano decisamente piccoli ma molti aspetti della loro struttura erano sostanzialmente gli stessi di quelli degli Homo sapiens.

La scoperta di una nuova specie di ominini nel sistema di grotte di Rising Star aveva suscitato un notevole interesse anche al di fuori dei campi direttamente coinvolti nelle ricerche. Chiamata Homo naledi, questa specie mostrò subito un curioso mix di caratteristiche in parte simili a quelle degli Homo sapiens ma in parte molto più primitive.

Questa scoperta aveva generato una serie di discussioni, anche perché inizialmente non c’era stato modo di effettuare una datazione e gli scopritori intendevano attendere il più possibile prima di intaccare le ossa per prelevare i campioni necessari a una datazione diretta. Circa un anno fa una ricerca descriveva i risultato di datazioni indirette che indicavano che i fossili di Homo naledi avessero tra i 236.000 e i 335.000 anni.

In sostanza, i fossili di Homo naledi sono risultati più recenti del previsto e ciò significa che vissero contemporaneamente agli Homo sapiens arcaici. Ciò rendeva più che mai importante cercare di capire quali fossero le capacità mentali degli Homo naledi per provare a stabilire chi avesse realmente prodotto gli strumenti di pietra dell’epoca scoperti nelle aree in cui vissero entrambe le specie.

Le impronte del cervello lasciate sulle ossa del cranio in certe condizioni hanno dato una mano permettendo di ricreare in modo almeno approssimativo la struttura cerebrale degli Homo naledi. Una scansione laser ha permesso di creare un modello tridimensionale del cervello di questi ominini in un nuovo studio a cui hanno partecipato alcuni ricercatori coinvolti fin dalla scoperta dei primi fossili.

Il risultato dello studio è che la parte posteriore del cervello risulta diversa rispetto ad esempio agli australopitechi, che l’emisfero sinistro è un po’ spostato in avanti rispetto al destro, che l’area visiva è relativamente più piccola rispetto a quella degli scimpanzè e che non l’emisfero sinistro non ha il solco-frontale tipico degli australopitechi e delle scimmie antropomorfe ma ha un opercolo frontale.

Insomma, Homo naledi aveva un cervello che per molti versi era una versione più piccola di quello degli umani moderni. John Hawks, uno degli autori della ricerca, ha dichiarato che è il tipo di cervello che ci si aspetta per Homo habilis, che però visse due milioni di anni fa. Il suo collega Lee Berger ha fatto notare che questo studio potrà portare gli archeologi a riconsiderare l’origine di strumenti di pietra di quell’epoca.

Una delle domande su Homo naledi riguarda le sue capacità linguistiche. Shawn Hurst, un altro degli autori di questo studio, ha dichiarato che è ancora troppo presto per le speculazioni ma l’anatomia del lobo frontale del cervello di questi ominini è simile a quello degli umani moderni e il linguaggio è una capacità legata a quella regione cerebrale.

Questi risultati sono molto interessanti e allo stesso tempo lasciano ancora varie domande riguardanti gli Homo naledi senza risposta. Le tecnologie moderne stanno aiutando molto paleontologi e paleoantropologi nello studio di specie estinte ma dare risposte certe può essere ancora difficile se non impossibile. I continui progressi in questi campi offrono speranze di nuove scoperte.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *