Proxima di Stephen Baxter

Proxima di Stephen Baxter
Proxima di Stephen Baxter

Il romanzo “Proxima” di Stephen Baxter è stato pubblicato per la prima volta nel 2013. È il primo libro della serie di Proxima. Al momento è inedito in Italia

Quando Yuri viene risvegliato dall’ibernazione, si ritrova in un luogo e tempo ben diverso da quello in cui è cresciuto. Peggio ancora, quando finalmente qualcuno gli spiega cosa sta succedendo, scopre che è finito in un gruppo di persone selezionate per una spedizione verso un pianeta del sistema di Proxima Centauri.

Stephanie “Stef” Kalinski è una scienziata che sta indagando sul mistero dei kernel, gli oggetti scoperti dagli esseri umani e sfruttati come propulsori per astronavi. Andando per tentativi è stato possibile comprendere in modo empirico il loro funzionamento ma nessuno sa cosa siano realmente e soprattutto i principi alla base del loro funzionamento. Le risposte potrebbero essere sul pianeta Mercurio.

L’inizio di “Proxima” getta subito il lettore nel mezzo delle varie sottotrame, un po’ come Yuri viene inviato per la preparazione al viaggio verso il sistema di Proxima Centauri senza sapere cosa gli stia succedendo. Effettivamente ci vuole un po’ per capire la grande storia che viene raccontata in questo romanzo, anche perché abbraccia interi decenni e contiene una serie di flashback.

Come ha già fatto in altri suoi romanzi, Stephen Baxter ha inserito in “Proxima” parecchie idee che vengono sviluppate più o meno lentamente. Ciò non significa che il ritmo sia lento ma è la conseguenza della loro complessità. Questo è un romanzo in cui succedono molte cose sia a livello di singoli personaggi che di interi pianeti con tanti colpi di scena e interconnessioni tra le varie sottotrame e le varie idee perciò la lunghezza del romanzo è necessaria all’autore per raccontare tutto ciò.

Le sottotrame principali sono quelle che seguono Yuri e Stephanie, due personaggi estremamente diversi tra loro in storie che a lungo sembrano divergenti. Una terza sottotrama che ha uno spazio decisamente minore segue un’intelligenza artificiale la cui storia aiuta a capire meglio certi eventi precedenti a quelli raccontati nel romanzo.

Yuri è in qualche modo un disadattato, risvegliato dall’ibernazione dopo molti anni per essere usato come cavia in un esperimento di colonizzazione di un pianeta del sistema di Proxima Centauri. Ben presto risulta chiaro che non è esattamente ciò che appare e riferimenti al suo passato offrono il modo a Stephen Baxter di inserire qualche informazione sugli eventi caotici che hanno portato alla situazione del XXII secolo.

La storia di Yuri è legata molto alla colonizzazione del pianeta, che verrà chiamato Per Ardua, su cui verrà abbandonato senza tante cerimonie assieme ad altre persone. Lì vivono varie forme di vita native e la loro progressiva scoperta costituisce una parte importante del romanzo perché Yuri e i suoi compagni di sventura vengono lasciati su un mondo ancora inesplorato di cui in sostanza gli umani sanno che è abitabile.

Stephanie è una brillante scienziata che indaga sul mistero dei kernel. Quell’idea basterebbe ad altri scrittori per un’intera serie di romanzi, per Stephen Baxter è certamente importante ma la usa anche come spunto iniziale per ulteriori scoperte che portano ad alcuni dei maggiori colpi di scena di “Proxima”.

La grande storia sviluppata attorno ai vari protagonisti riguarda tutta l’umanità e i possibili sviluppi dei prossimi due secoli. Non è un ritratto molto positivo perché i flashback riguardano la distruzione delle risorse della Terra e “Proxima” riguarda anche una guerra fredda tra Cina e le altre potenze mondiali che minaccia il pianeta.

Anche nei capitoli ambientati sull’astronave in viaggio verso Per Ardua e successviamente sul pianeta i comportamenti di molti personaggi sono negativi. I rapporti interpersonali sono basati soprattutto sulla sopraffazione e la collaborazione rappresenta un’eccezione. Sul pianeta l’omicidio è normale, tanto che viene da chiedersi il senso della spedizione.

La presenza di molti personaggi odiosi può aggiungere difficoltà alla lettura di un romanzo pieno di elementi tecnico-scientifici. Chi ha già letto qualche romanzo di Stephen Baxter sa cosa aspettarsi, cioè una storia piena di idee che vengono sviluppate con intrecci a volte sorprendenti.

Stephen Baxter è uno dei più importanti autori di fantascienza “hard” e secondo me “Proxima” è un romanzo stimolante per chi apprezza questo sottogenere. Ha per così dire un finale a metà nel senso che le varie sottotrame raggiungono momenti importanti ma rimangono aperte per ulteriori sviluppi nel seguito. Se per voi non è un problema ve ne consiglio la lettura.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *