Doctor Who – The Ark

Doctor Who - The Ark
Doctor Who – The Ark

“The Ark” è un’avventura della terza stagione della serie classica di “Doctor Who” trasmessa nel 1966. È composta da quattro parti, scritta da Paul Erickson e Lesley Scott e diretta da Michael Imison.

La storia

Il Tardis si materializza in quella che sembra una giungla e Dodo (Jackie Lane) pensa di essere allo zoo fuori Londra pensando che sia stato usato qualche trucco per trasportarla dal luogo da dove era partita. Il Primo Dottore (William Hartnell) cerca di convincerla che loro e Steven (Peter Purves) hanno viaggiato nello spazio e nel tempo arrivando chissà dove e quando ma Dodo comincia a credergli solo con l’arrivo di strani alieni con un occhio solo.

Quando i viaggiatori vengono portato al cospetto dei Guardiani, che sono umani, viene loro spiegato che quella è un’arca che è in viaggio verso un altro pianeta con lo scopo di salvare l’umanità e altre specie terrestri. I passeggeri umani e gli alieni Monoid sono pacifici ma quando Dodo comincia a contagiarli con il suo raffreddore le conseguenze rischiano di essere catastrofiche con pazienti che non hanno difese immunitarie contro quella malattia.

Extra

Questo DVD contiene una discreta quantità di extra. Sono presenti contenuti tipici come una galleria di immagini tratte da quest’avventura, i sottotitoli della produzione, i Radio Time Billings e un promo dei DVD di “Doctor Who” pubblicati prossimamente.

Sono presenti nella traccia audio alternativa degli episodi commenti all’avventura da parte del protagonista Peter Purves e del regista Michael Imison moderati da Toby Hadoke.

All’s Wells That Ends Wells. Un documentario che esamina quanto “Doctor Who” si sia ispirato alle opere di H.G. Wells, inclusa “The Ark”.

One Hit Wonder. Qualche opinione sui Monoid e sul motivo per cui non sono entrati tra i mostri favoriti in “Doctor Who”.

Riverside Story. Un documentario di circa 20 minuti in cui Peter Purves e Michael Imison ricordano il loro lavoro nello studio usato per girare le avventure di “Doctor Who”. È il tipo di extra interessante perché basato sul punto di vista di persone che hanno lavorato nella serie.


L’idea di un’avventura ambientata in un’enorme astronave venne al produttore John Wiles, che ne discusse con lo scrittore Paul Erickson. Secondo le guide a “Doctor Who” fu lui a scrivere la sceneggiatura ma chiese che nei crediti sua moglie Lesley Scott risultasse come co-autrice anche se non è chiaro se abbia fornito qualche contributo.

Dodo era stata introdotta alla fine del serial precedente perciò “The Ark” costituisce la sua prima avventura completa. Il suo accento originale è Cockney ma all’attrice Jackie Lane venne chiesto di renderlo meno pesante. In sostanza, fin da subito c’è l’impressione che a livello di produzione non avessero le idee molto chiare di come caratterizzare Dodo e i suoi cambi di accento costituiscono l’indizio più ovvio del problema.

In quest’avventura il contributo di Dodo è soprattutto nel contagiare i passeggeri dell’arca, sia umani che Monoid. Quello è il tema centrale della trama delle prime due parti, dove la tensione esiste solo nel rischio che qualcuno muoia perché privo di qualsiasi forma di resistenza a quello che per Dodo è un banale raffreddore e che quello venga considerato una forma di attacco da parte dei viaggiatori, diventati rapidamente da ospiti a prigionieri sotto processo.

Lo status dei Monoid nelle prime due parti è ambiguo: in certi casi sembrano considerati alla pari degli umani ma nel corso dell’epidemia certe frasi fanno intendere che sull’arca sono considerati passeggeri di serie B. Non è una questione da poco perché la situazione nelle due parti finali di “The Ark” sono una conseguenza di quella precedente ma da questo di vista la storia non sembra del tutto coerente.

Questo problema potrebbe essere dovuto al fatto che la storia è ambiziosa, soprattutto per le possibilità della produzione di “Doctor Who” dell’epoca. Una serie di concetti interessanti viene sviluppata fino ai limiti per i mezzi a disposizione con risultati che dal punto di vista visivo sono almeno in alcuni casi davvero eccellenti per un’avventura degli anni ’60.

La trama è complessa ma purtroppo è strutturata in modo tale da penalizzare i personaggi creati per questo serial, soprattutto perché sono tanti, sia umani che Monoid. In alcuni casi la recitazione lascia qualche perplessità ma è possibile che ciò sia dovuto allo scarso tempo disponibile per le prove di un’avventura di quel tipo.

Il cliffhanger tra seconda e terza parte è ingegnoso e probabilmente una bella sorpresa in un’epoca in cui si trovavano poche informazioni sui programmi televisivi che stavano per essere trasmessi. Il problema è che è il primo di una serie di colpi di scena che a volte sembrano forzati e lo sviluppo della trama si basa molto su di essi.

L’idea dell’arca in viaggio verso il pianeta Refusis II per salvare la specie umana è intrigante ed è stata ripresa con alcune varianti negli anni successivi sia nella serie classica che in quella nuova di “Doctor Who”. I Monoid sono stati invece dimenticati perché alla fine risultano davvero piatti come personaggi.

Personalmente credo che “The Ark” abbia più pregi che difetti e in alcuni casi i limiti della produzione hanno costituito un peso. L’edizione in DVD contiene alcuni extra che lo rendono particolarmente interessante per i fan dell’era del Primo Dottore.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *