Flashback di Dan Simmons

Flashback di Dan Simmons
Flashback di Dan Simmons

Il romanzo “Flashback” (“Flashback”) di Dan Simmons è stato pubblicato per la prima volta nel 2011. In Italia è stato pubblicato da Fanucci nella traduzione di Gabriele Giorgi.

Nick Bottom è un ex poliziotto di Denver che è diventato dipendente da flashback, una droga che permette di rivivere i propri ricordi come se fossero reali, per mantenere in qualche modo viva la presenza di sua moglie Dara, morta alcuni anni prima in un incidente stradale. Per questo motivo, il suo figlio adolescente Val è andato a vivere a Los Angeles con il nonno materno Leonard Fox.

Nonostante i suoi problemi, Nick Bottom viene ancora considerato un buon investigatore e il miliardario giapponese Hiroshi Nakamura lo assume per risolvere il caso dell’omicidio di suo figlio, avvenuto sei anni prima e rimasto insoluto. Informazioni che all’epoca erano state tenute segrete da Nakamura offorno a Nick una nuova pista che però ha risvolti molto personali.

Nota. Questa recensione è molto politica ma “Flashback” è un romanzo basato sull’elemento politico.

Nel 1993 Dan Simmons pubblicò il racconto lungo “Flashback” (pubblicato in Italia da Mondadori all’interno del n. 38 de “I Massimi della Fantascienza”), in cui presentava l’idea di una droga che permette di rivivere i propri ricordi come se fossero reali esplorando le possibili conseguenze del suo uso, come ad esempio la volontà di creare memorie particolarmente intense da rivivere successivamente.

Il romanzo rielabora quei concetti in una storia ambientata nel 2036, quando gli USA sono in un pesante stato di decadenza e in pratica sotto il controllo del Giappone. Questo stato di cose è dovuto al fatto che gli USA sono andati in bancarotta per colpa di Barack Obama e dei soldi generosamente elargiti in welfare dalla sua amministrazione.

“Flashback” è la realizzazione delle peggiori paranoie del tea party americano. Alcune aree degli USA sono state invase dai messicani e senza l’esercito americano a bombardare portare democrazia qua e là per il mondo Europa e Canada sono caduti sotto un dominio islamico come l’Africa e Israele è stato distrutto da un attacco nucleare.

Dan Simmons ribadisce in continuazione che questa distopia è il risultato della politica dell’amministrazione Obama per quanto riguarda la spesa per il welfare e per il disarmo seguito a trattati internazionali. In sostanza, il problema sono i miliardi di dollari spesi in welfare ma non le migliaia di miliardi spese per le varie operazioni militari americane. L’amministrazione Bush è vista come i bei vecchi tempi anche se decisioni come l’invasione dell’Iraq credendo a intelligence che fin dall’inizio puzzava di falso sono costate molte volte più del welfare.

In realtà “Flashback” comincia come un romanzo hard-boiled, con il protagonista Nick Bottom che viene incaricato da Hiroshi Nakamura, miliardario e influente nella politica degli USA, di indagare sulla morte di suo figlio. Dan Simmons ha scritto vari romanzi di questo genere, che in questo caso viene sviluppato in un’ambientazione fantascientifica, il problema è che questi elementi sostanzialmente hanno lo scopo di mascherare la parte politica.

Perfino quando Nick Bottom va a cercare personaggi in qualche modo connessi con la morte del giovane Keigo Nakamura in qualche modo argomenti come l’economia, il ruolo degli USA come protettori del mondo e le presunte colpe dell’amministrazione Obama finiscono per essere centrali. La conseguenza è che a volte la narrazione diventa pesante perché l’indagine sembra solo una scusa.

Ciò è ancora più vero nelle sottotrame che seguono Val e suo nonno Leonard Fox, un ex insegnante che forse è in parte ispirato a Dan Simmons stesso. I capitoli che seguono la sottotrama principale di Nick Bottom hanno la numerazione 1.x, quelli che seguono la sottotrama di Val hanno la numerazione 2.x e quelli che seguono la sottotrama di Leonard Fox hanno la numerazione 3.x.

La storia di Val e suo nonno Leonard sono ancor più mirate a far leva sulle paranoie di un certo tipo di persone che hanno un profondo senso tribale perciò hanno paura di essere invasi da stranieri e pensano che essere armati fino ai denti sia l’unica soluzione. Non a caso il Texas è l’unico stato degli USA a essere rimasto indipendente e di conseguenza l’unica speranza che il tribalismo dei bianchi americani trionfi nuovamente.

Mi è impossibile dare un giudizio che non sia basato sull’elemento politico perché “Flashback” è sostanzialmente una predica anti-Obama che tra l’altro in pochissimi anni è invecchiata malissimo. Anche il migliaio di miliardi di dollari di tagli alle tasse dei ricchi deciso da Donald Trump è una cifra enormemente superiore alla spesa del welfare rendendo ancor più insensato l’accanimento continuo presente nel romanzo.

“Flashback” in realtà era iniziato in modo intrigante, con Nick Bottom che ha accesso a Informazioni sull’omicidio di Keigo Nakamura che erano state tenute segrete e scopre che sua moglie era in qualche modo coinvolta. Purtroppo la storia si perde presto in prediche politiche e se non condividete certe paranoie diventa anche noiosa, tanto più per il modo in cui viene sviluppata l’indagine.

Seguono spoiler sul finale! SelezionaMostra

Alla fine, “Flashback” mi sembra un giallo mediocre e di conseguenza, con tutte le prediche contenute, uno spreco. Viste le citazioni di Shakespeare contenute, il giudizio potrebbe essere: molto rumore per nulla. Potete apprezzarlo se siete fan di Donald Trump.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *