Buon compleanno Dan Simmons!

Hyperion di Dan Simmons
Hyperion di Dan Simmons

Dan Simmons è nato il 4 aprile del 1948 a Peoria, nell’Illinois, negli USA.

Dan Simmons ha conseguito un Bachelor of Arts in letteratura inglese al Wabash College nel 1970 e un Masters in Education alla Washington University in St. Louis nel 1971. Per parecchi anni ha fatto l’insegnante scrivendo a tempo perso. Solo nel 1982 venne pubblicato il suo primo racconto “The River Styx Runs Upstream”, che vinse un concorso letterario.

Per alcuni anni Dan Simmons continuò a insegnare mentre il suo successo come scrittore professionista aumentava. Nel 1983 pubblicò il racconto lungo “Nefasto gioco di morte” (“Carrion Comfort”) che successivamente sviluppò in maniera più sofisticata in un romanzo. Tuttavia, a causa di vari problemi con diversi editori il romanzo venne pubblicato solo nel 1989 con lo stesso titolo inglese e noto come “Danza macabra” in Italia.

A causa di quei problemi, il primo romanzo pubblicato da Dan Simmons fu “Il canto di Kali” (“Song of Kali”) nel 1985. Di genere horror, il romanzo vinse il World Fantasy Award.

Fin dall’inizio della sua carriera Dan Simmons ha scritto opere di vari generi letterari mischiandone gli elementi. Notevoli legami con la letteratura classica sono presenti nel suo romanzo di fantascienza “Hyperion” (“Hyperion”) del 1989, il primo dei Canti di Hyperion composto anche dai romanzi “La caduta di Hyperion” (“The Fall of Hyperion”) del 1990, “Endymion” (“Endymion”) del 1996 e “Il risveglio di Endymion” (“The Rise of Endymion”) del 1997 e dal romanzo breve “Gli orfani di Helix” (“Orphans of the Helix”) del 1999.

Temi horror sono tornati in alcuni romanzi connessi tra di loro: “L’estate della paura” (“Summer of Night”) del 1991, vincitore del British Fantasy Award, “I figli della paura” (“Children of the Night”) del 1992, vincitore del premio Locus per la categoria horror, “Vulcano” (“Fires of Eden”) del 1995, vincitore del premio Locus, e “L’inverno della paura” (“A Winter Haunting”) del 2002.

Negli anni successivi Dan Simmons ha scritto anche una trilogia di gialli hard boiled con l’investigatore Joe Kurtz come protagonista: “Hardcase – Un caso difficile” (“Hardcase”) del 2001, “Hard Freeze – Un caso glaciale” (“Hard Freeze”) del 2002 e “Hard as Nails – Un caso d’acciaio” (“Hard as Nails”) del 2003.

Un mini-ciclo di fantascienza con elementi mitologici è quello formato da “Ilium” del 2003 e “Olympos” del 2005, ognuno dei quali è stato diviso in due parti nell’edizione italiana formando la sequenza: “L’assedio”, “La rivolta”, “La guerra degli immortali” “L’attacco dei Voynix”.

La commistione di generi spesso rende difficile e limitativo etichettare le opere di Dan Simmons. “La scomparsa dell’Erebus” (“The Terror”) del 2007 è un dramma storico basato su eventi reali ma l’autore vi inserisce elementi fantasy / horror. Alla fine di marzo è iniziata una serie televisiva che adatta il romanzo.

Negli ultimi anni Dan Simmons ha scritto ancora opere di fantascienza come “Flashback” (“Flashback”) del 2011, controverso perché è un romanzo molto politico che supporta le tesi del tea party americano ed è esplicitamente anti-Obama. Tuttavia, sembra preferire le ambientazioni storiche con romanzi come “Drood” (“Drood”) del 2009, che ha come protagonista Charles Dickens, “Everest. Alba di sangue” (“The Abominable”) del 2013, anch’esso con elementi horror, e “The Fifth Heart” del 2015, che ha come protagonisti Sherlock Holmes e Henry James.

Dan Simmons ha ampiamente dimostrato la sua capacità di scrivere opere di generi molto diversi mescolandone gli elementi in vari modi. Ciò è provato dai tanti successi che le sue opere hanno avuto in molte nazioni e dai tanti premi che hanno ricevuto in varie nazioni.



1 Comment


Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *