Due gruppi di corvi imperiali si stanno fondendo in un’unica specie in un caso di speciazione inversa

Corvo imperiale (Corvus corax) (Foto National Park Service)
Corvo imperiale (Corvus corax) (Foto National Park Service)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature Communications” porta le prove di una speciazione inversa in due rami della specie corvo imperiale (Corvus corax). Un team di ricercatori ha esaminato dati genomici di centinaia di corvi raccolti nel Nord America in uno studio cominciato nel 1999 concludendo che questa specie si è distinta in tre gruppi geneticamente distinti: da uno è nata la specie corvo del Chihuahua o corvo imperiale del Chihuahua (Corvus cryptoleucus) ma due di essi si stanno riunendo in uno solo tramite un processo di ibridazione.

L’evoluzione porta principalmente a continue ramificazioni con l’emergere di nuove specie. Tuttavia, a volte due popolazioni che sono rimaste distinte per un tempo sufficiente da diventare perfino due specie diverse possono entrare in contatto e, tramite ibridazione, riunirsi e dare origine a un’ulteriore nuova specie. I progressi nelle analisi genetiche stanno rivelando questo tipo di risultati di ibridazione e di speciazione inversa. Ad esempio anche gli esseri umani moderni mostrano tracce genetiche di antiche ibridazioni con altri ominini.

Lo studio del corvo imperiale è cominciato nel 1999 e nel corso degli anni si è avvalso degli strumenti sempre più sofisticati della genomica, una branca della biologia molecolare basata sulle applicazioni informatiche a questo campo che studia il genoma di uno o più organismi. In questo caso, gli strumenti della genomica sono stati usati per ricostruire l’albero genetico dei corvi nel Nord America.

Le conclusioni dell’analisi dei dati genetici di centinaia di corvi del Nord America raccolti in diversi insiemi di dati indica che circa 3 milioni di anni fa c’era un’unica specie di corvo nel Nord America occidentale, un’antenata diretta dell’odierno corvo imperiale. Questa specie si è gradualmente ramificata in due gruppi (in gergo cladi) distinti, uno chiamato californiano e uno chiamato olartico, ognuno dei quali include diverse sottospecie.

La situazione è diventata ulteriormente più complessa perché nel corso degli ultimi due milioni di anni circa c’è stata un’ulteriore divisione con un ramo che si è diversificato in quella che è classificata come una specie diversa, il corvo del Chihuahua o corvo imperiale del Chihuahua (Corvus cryptoleucus). Tuttavia, il DNA mitocondriale del corvo imperiale californiano è più simile a quello del corvo del Chihuahua che a quello del corvo imperiale olartico.

Infine, le analisi genetiche indicano che i due cladi di corvo imperiale si stiano incrociando in un’ibridazione che sta andando avanti da almeno qualche decina di migliaia di anni. In sostanza, due cladi diversi invece di continuare a divergere in due rami sempre più separati per evolversi in due specie diverse stanno andando a fondersi in un’unica specie.

Una domanda che si sono posti i ricercatori riguarda il possibile ruolo degli esseri umani nella speciazione inversa dei corvi. Per cercare di ottenere una risposta, intendono iniziare una nuova fase dello studio analizzando il DNA di corvi vissuti all’inizio del XX secolo.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *