Un fossile di Ichthyosaurus somersetensis era una femmina incinta

Ichthyosaurus somersetensis (Immagine cortesia Dean Lomax)
Ichthyosaurus somersetensis (Immagine cortesia Dean Lomax)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Acta Palaeontologica Polonica” descrive l’identificazione di un esemplare di Ichthyosaurus somersetensis che è risultato essere una femmina incinta. I paleontologi Dean Lomax dell’Università britannica di Manchester e Sven Sachs del Naturkundemuseum Bielefeld tedesco hanno studiato questo ittiosauro lungo quasi 3,5 metri che era stato scoperto negli anni ’90 sulle coste del Somerset, dove visse circa 200 milioni di anni fa, per poi finire nella collezione del Niedersächsisches Landesmuseum in Sassonia, dimenticato fino a poco tempo fa.

Gli ittiosauri, ordine Ichthyosauria, sono conosciuti e studiati già da oltre due secoli, rettili marini che nel corso del tempo si erano evoluti differenziandosi in molte specie diverse, alcune delle quali potevano crescere fino a lunghezze di 20 metri. Quelli degli ittiosauri sono tra i fossili più comunemente trovati in Gran Bretagna con migliaia di esemplari che vanno da poche ossa a scheletri completi.

Probabilmente la notevole quantità di ittiosauri britannici è il motivo per cui l’esemplare esaminato in questa ricerca è rimasto praticamente dimenticato in un museo di Hannover, in Sassonia, per circa vent’anni. Durante una visita di routine nell’agosto 2016, Sven Sachs l’ha notato e ha informato il collega Dean Lomax, un grande esperto a livello mondiale di ittiosauri.

I due paleontologi hanno esaminato l’esemplare attribuendolo alla specie Ichthyosaurus somersetensis, identificata qualche anno fa proprio da Lomax assieme alla professoressa Judy Massare. Lo studio è stato reso più complesso dal fatto che la coda non apparteneva all’esemplare bensì a un altro ittiosauro. Essa era stata aggiunta allo scheletro per completarlo e dargli un aspetto migliore per essere esposto al museo.

A volte i fossili vengono in qualche modo modificati per migliorare l’aspetto di un esemplare e dare un’idea di come fosse l’animale completo, anche se in casi come questo il risultato non è preciso. Quando però le informazioni fornite su tali operazioni sono per qualche motivo incomplete, i paleontologi devono stare attenti a non rimanere ingannati nel corso dei loro studi.

Una bella sorpresa è arrivata quando i paleontologi si sono resi conto che l’esemplare di Ichthyosaurus somersetensis che stavano studiando era una femmina incinta. Non è il primo caso, anzi il fossile di ittiosauro più celebre è di una femmina incinta, ma è solo il terzo caso perciò è comunque molto interessante. L’embrione è incompleto ma ci sono abbastanza ossa da fornire un’idea sul suo sviluppo.

Questa scoperta conferma l’importanza dello studio di fossili che a volte sono stati scoperti decenni prima ma per qualche motivo non sono stati esaminati approfonditamente. Lo stesso Dean Lomax aveva identificato la specie Wahlisaurus massarae dopo averne visto un esemplare nel corso di una visita al New Walk Museum di Leicester, descrivendola in un articolo pubblicato sulla rivista “Journal of Systematic Palaeontology” nel giugno 2016. Ora quest’esemplare di Ichthyosaurus somersetensis e il suo embrione stanno offrendo nuove informazioni su questi rettili marini.

Ricostruzione di Ichthyosaurus somersetensis (Immagine cortesia Joschua knuppe)
Ricostruzione di Ichthyosaurus somersetensis (Immagine cortesia Joschua knuppe)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *