Un cranio di ominide di 400.000 anni fa trovato in Portogallo

Il cranio trovato nella grotta di Aroeira (Foto cortesia Javier Trueba)
Il cranio trovato nella grotta di Aroeira (Foto cortesia Javier Trueba)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Proceedings of the National Academy of Sciences” descrive lo studio del più antico cranio fossile scoperto in Portogallo, nella grotta di Aroeira. Un team diretto all’archeologo João Zilhão che include l’antropologo Rolf Quam della Binghamton University ha scoperto questo cranio incompleto che ha un’età stimata di circa 400.000 anni assieme a resti di animali e vari reperti che includono attrezzi di pietra tra cui parecchie asce.

Il cranio oggetto dello studio venne trovato proprio l’ultimo giorno della stagione di scavi del 2014. I sedimenti che contenevano il cranio erano saldamente cementati perciò un intero blocco venne prelevato e portato al Centro de Investigacion sobre la Evolucion y Comportamiento Humanos di Madrid, in Spagna, un centro di ricerca paleoantropologica. Lì venne implementato un meticoloso protocollo per l’estrazione, un processo molto lento che andò avanti per due anni.

Il cranio è stato sottoposto a una TAC e ne è stata prodotta una ricostruzione virtuale. Questo studio rappresenta solo la prima fase delle ricerche su di esso perché è già chiaro che potrebbe trattarsi di una scoperta molto importante per le informazioni che può fornire sull’evoluzione umana nel corso del Pleistocene medio in Europa e sull’origine dei Neanderthal. Esso è infatti il più antico cranio umano trovato in Portogallo e quello più a occidente trovato in Europa.

Il fatto che il cranio sia incompleto con una parte della calotta cranica, un frammento della mascella destra e un paio di molari rende le ricerche più difficili. Al momento non è stato possibile stabilire il sesso dell’individuo né la causa della sua morte. Le parti disponibili mostrano parecchie caratteristiche trovate in altri crani Europei risalenti al Pleistocene medio ma con una combinazione di tratti mai vista finora in nessun altro individuo.

Questo nuovo cranio aumenta la diversità anatomica scoperta negli ominidi di quel periodo e ciò suggerisce che diverse popolazioni mostrassero diverse combinazioni di caratteristiche. Una possibilità è che si tratti di antenati dei Neanderthal e se fosse così questa scoperta confermerebbe la teoria che questa specie abbia avuto origine in Europa. Purtroppo la scarsità di fossili, tipicamente frammenti, hanno sempre reso difficile questo tipo di ricerca e la classificazione di molti fossili controversa.

Il cranio verrà esposto in una mostra sull’evoluzione umana in ottobre al Museu Nacional de Arqueologia di Lisbona, in Portogallo. Ciò in attesa dei prossimi risultati dei vari studi iniziati su di esso in una collaborazione internazionale che ha già coinvolto parecchi scienziati, una conferma che si tratta potenzialmente di una scoperta davvero importante.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *