Due crani di ominidi scoperti in Cina mostrano caratteristiche miste di specie diverse

Ricostruzione virtuale dei due crani scoperti in Cina (Immagine cortesia Xiujie Wu)
Ricostruzione virtuale dei due crani scoperti in Cina (Immagine cortesia Xiujie Wu)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Science” descrive lo studio di due crani incompleti datati tra 105.000 e 125.000 anni scoperti nella provincia di Henan, nella Cina orientale. Un team internazionale ha esaminato i frammenti trovati descrivendo le caratteristiche miste che mettono assieme quelle di varie specie di ominidi. Un’ipotesi intrigante è che si tratti dei misteriosi Denisova, di cui sono state trovate pochissime ossa. Purtroppo il tentativo di recuperare frammenti di DNA è fallito.

La scoperta dei crani cominciò nel dicembre 2007, quando l’archeologo Zhan-Yang Li stava concludendo uno scavo nella città di Lingjing. Per un caso fortunato, all’ultimo momento trovò attrezzi di pietra e decise di continuare a scavare per altri due giorni. Era l’ultimo mattino quando il suo team scoprì un frammento di cranio che convinse gli archeologi a tornare nella città per altre sei stagioni. Il risultato fu il ritrovamento di altri 45 frammenti che formarono i due crani parziali.

La mancanza di faccia e mascelle non permette uno studio completo ma le parti ritrovate hanno comunque permesso di esaminarle i due crani e di valutare le somiglianze con le varie specie di ominidi esistenti all’epoca in cui vissero i due individui. Entrambi i crani hanno arcate sopraccigliari prominenti e ossa dell’orecchio interno simili a quelle dei Neanderthal e diverse da quelle dell’Homo sapiens. Un cranio ha un volume del cervello di circa 1.800 centimetri cubi, molto grande sia per un Neanderthal che per un umano moderno ma con caratteristiche ossee sulla parte posteriore simili a quelle dei Neanderthal.

La situazione è complicata dalla presenza di altre caratteristiche diverse da quelle dei Neanderthal europei e mediorientali. Le loro arcate sopraccigliari sono più sottili e le ossa craniali meno robuste, più simili a quelle degli umani moderni più primitivi e ad alcuni altri fossili asiatici. Allo stesso tempo, le loro caratteristiche sono troppo moderne perché si possa trattare di altri ominidi più antichi come Homo erectus o Homo heidelbergensis.

La paleoantropologa Xiu-Jie Wu, uno degli autori della ricerca, pensa che si possa trattare di una specie umana arcaica finora sconosciuta sopravvissuta nell’estremo oriente 100.000 anni fa. Questi ominidi potrebbero essersi incrociati con altre specie finendo per avere caratteristiche miste. Sempre più nelle recenti ricerche paleoantropologiche sono stati rilevati incroci tra varie specie di ominidi per cui quest’ipotesi ha senso.

Un’altra ipotesi davvero intrigante è che i due crani appartengano a Denisova, ominidi di cui finora sono state trovate solo pochissime ossa. Secondo il paleoantropologo Jean-Jacques Hublin il mix di caratteristiche rilevate nei due crani corrisponde a ciò che ci si può aspettare dai Denisova anche se sono stati trovati a 4.000 chilometri dalle ossa attribuite a questa specie.

La paleogenetista Qiaomei Fu ha spiegato che ha tentato di estrarre DNA da tre frammenti dei crani ma senza successo. Le tecniche genetiche hanno fatto passi da gigante negli ultimi anni ma recuperare frammenti di DNA da ossa così antiche è sempre un problema e i risultati dipendono molto dal loro stato di conservazione. I tentativi comportano la distruzione di pezzetti delle ossa perciò se i primi falliscono è difficile che ce ne siano altri. Ciò renderà più difficile capire chi fossero le persone che abitavano quelle terre oltre 100.000 anni fa.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *