Annunciati i semifinalisti dell’iniziativa Shell Ocean Discovery XPRIZE

La home page del sito web di Shell Ocean Discovery XPRIZE
La home page del sito web di Shell Ocean Discovery XPRIZE

Il progetto Shell Ocean Discovery XPRIZE ha annunciato i 21 team che parteciperanno alle semifinali tra i 32 che si sono iscritti alla competizione entro la fine di settembre 2016. L’iniziativa era stata annunciata nel dicembre 2015 da Peter Diamandis, presidente e amministratore delegato di XPRIZE allo scopo di sostenere lo sviluppo di tecnologie di esplorazione degli oceani. Il primo turno di test per i semifinalisti è previsto per agosto-settembre 2017.

I 21 team selezionati, che comprendono un totale di quasi 350 persone da 25 nazioni, sono:

ARGGONAUTS. Questo team con sede in Germania sta creando uno sciame di 12 droni intelligenti per l’esplorazione delle profondità marine basandosi sull’esperienza di progetti precedenti.

BangaloreRobotics. Questo team con sede in India sta sviluppando droni per le profondità marine innovativi e a basso costo.

Blue Devil Ocean Engineering. Questo team con sede alla Duke University, nel North Carolina, negli USA, sta lavorando su droni aerei in grado far cadere nel mare dei veicoli sottomarini che successivamente possono essere recuperati.

CFIS. Questo team con sede in Svizzera sta progettando uno sciame di robot sottomarini che usano i laser per la mappatura dei fondali degli oceani e per raccogliere immagini sottomarine.

Eauligo. Questo team con sede in Francia sta sviluppando micro-sottomarini che copiano le api e i loro comportamenti per esplorare le profondità degli oceani.

ENVIRODRONE. Questo team con sede in Canada usa droni aerei per lanciare droni sottomarini di nuova generazione.

Exocetus. Questo team con sede negli USA usa alianti sottomarini dotati di sonar in grado di effettuare operazioni prolungate di mappatura.

GEBCO-NF. Questo team con sede in Nuova Zelanda sta integrando varie tecnologie in una nuova nave per contribuire alla mappatura dei fondali oceanici entro il 2030.

PISCES. Questo team con sede in Portogallo sta mettendo assieme tecnologie nazionali per creare un sistema robotico cooperativo.

KUROSHIO. Questo team con sede in Giappone sta mettendo assieme tecnologie di università, istituti e aziende giapponesi per creare i suoi droni sottomarini.

Lehigh Tide. Questo team con sede negli USA ha creato un drone sottomarino che ha lo scopo di mappare accuratamente gli oceani.

Ocean Quest. Questo team con sede negli USA ha lo scopo di progettare una piattaforma per gli studenti di tutto il mondo per un progetto in cui il lato didattico è fondamentale.

Oceanzus. Questo team con sede negli USA sta creando una piattaforma che supporta una serie di apparecchiature per le indagini marine per effettuare le mappature.

OD-Africa. Questo team con sede nel Ghana sta costruendo droni sottomarini modulari a basso costo per democratizzare la scoperta degli oceani facendo uso anche di intelligenza artificiale.

Orca Robotics. Questo team con sede negli USA sta creando un sistema sottomarino che combina un sistema radar e uno informatico per fornire risultati in tempo reale.

SubUAS. Questo team con sede negli USA ha creato un drone dotato di intelligenza artificiale che può raggiungere aree remote per le indagini, immergersi, compiere esplorazioni sottomarine e tornare in volo alla sua sede.

Tampa Deep-Sea X-plorers. Questo team con sede negli USA sta utilizzando tecnologie esistenti e sistemi sonar su vari droni sottomarini per coprire vaste aree da mappare.

Team Tao. Questo team con sede in Gran Bretagna sta sviluppando uno sciame di droni autonomi per una rapida esplorazione delle profondità oceaniche.

Texas A&M University Ocean Engineering. Questo team con sede negli USA sta utilizzando navi automatizzate e droni sottomarini equipaggiati con sistemi innovativi per esplorare aree remote nelle profondità oceaniche.

Virginia DEEP-X — Virginia Tech and Old Dominion University. Questo team con sede negli USA sta sviluppando piccoli veicoli sottomarini economici in grado di lavorare assieme.

X994. Questo team con sede negli USA sta lavorando per ottimizzare la mappatura degli oceani attraverso progressi a livello di software, intelligenza artificiale e analisi dei dati.

Tra i 21 team semifinalisti verranno selezionati fino a 10 team che passeranno il primo turno e si divideranno un premio complessivo di un milione di dollari. Il test consisterà nel mappare i fondali marini a una profondità di 2000 metri a una risoluzione orizzontale di almeno 5 metri e verticale di almeno 0,5 metri di almeno il 20% di un’area di 500 chilometri quadrati.

I team dovranno anche riportare indietro 5 immagini di elementi archeologici, biologici o geologici assieme all’immagine di un oggetto che verrà specificato. Tutto ciò dovrà essere fatto usando sistemi robotici, senza la presenza di alcun essere umano nell’area in cui avverrà la competizione.

XPRIZE è una fondazione no-profit che cerca di sviluppare tecnologie di vario tipo utili per l’umanità. Nel caso del progetto Shell Ocean Discovery XPRIZE, l’obiettivo è migliorare le nostre conoscenze degli oceani, che al momento sono scarse a causa del fatto che scendendo in profondità la visibilità cala rapidamente mentre la pressione aumenta.

La conseguenza è che finora l’esplorazione delle profondità oceaniche è stata difficoltosa e molto costosa. Il progetto Shell Ocean Discovery XPRIZE dovrebbe stimolare nuove soluzioni che permetteranno di ottenere grossi miglioramenti nella mappatura dei fondali oceanici.

La superficie della Terra è coperta per il 70% da acque e lo stato dei mari è fondamentale per la vita sul pianeta. Conoscere meglio le profondità oceaniche è necessario per capirne davvero lo stato di salute e la conseguente influenza sulla salute di tutta la vita sulla Terra.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *