Un esame dell’Australopithecus soprannominato Little Foot offre nuove informazioni sulla sua vita

Crano di Little Foot
Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” riporta uno studio sulle caratteristiche del cranio dell’esemplare di Australopithecus soprannominato “Little Foot” che offre informazioni sulla vita di questa specie. Un team di ricercatori della Wits University guidato dalla dottoressa Amélie Beaudet ha esaminato una riproduzione tridimensionale del fossile generata sottoponendolo a una micro-TAC ad alta risoluzione. La presenza della prima vertebra cervicale ha un ruolo cruciale nella biologia dei vertebrati e quella di Little Foot è al suo posto offrendo informazioni sui movimenti della testa possibili per questa specie di Australopithecus, diversi da quelli possibili per gli umani moderni.

L’esemplare quasi completo di Australopithecus catalogato come Stw 573 e soprannominato Little Foot venne scavato tra il 1994 e il 1998 nelle grotte di Sterkfontein in Sudafrica. Il paleoantropologo Ronald J. Clarke stava esaminando fossili trovati in quel sito quando riconobbe alcune ossa del piede sinistro che mostravano caratteristiche che indicavano l’appartenenza a un ominino. Le loro piccole dimensioni gli valsero il soprannome con cui è diventato noto. Succcessivamente, Clarke trovò altre ossa dello stesso individuo e, dopo un lungo e paziente lavoro, lui e i suoi colleghi ottennero uno scheletro quasi completo.

La datazione di Little Foot è stata problematica a causa della natura del sito in cui lo scheletro è stato trovato. Nel corso degli anni sono state effettuate varie datazioni che hanno fornito risultati molto diversi. Una nuova tecnica basata su radioisotopi ha fornito risultati riportatati sulla rivista “Nature” nell’aprile 2015 in cui risulta che l’età è di 3,67 milioni di anni.

Un altro problema legato a Little Foot riguarda l’attribuzione a una specie. Le caratteristiche sono simili a quelle di altri esemplari del genere Australopithecus ma secondo Ronald J. Clarke e alcuni altri paleontologi potrebbe trattarsi di una specie diversa da quella già conosciute a cui è stato proposto il nome Australopithecus prometheus.

L’immagine (Cortesia Ronald J. Clarke. Tutti i diritti riservati) mostra due viste del cranio di Little Foot. La vista dal basso permette di vedere anche la prima vertebra cervicale, indicata dalla freccia.

Le moderne tecnologie stanno diventando sempre più importanti nel campo della paleontologia e la possibilità di sottoporre il cranio di Little Foot a una micro-TAC ad alta risoluzione ha permesso di crearne una riproduzione tridimensionale.

Nel dicembre 2018 similitudini e differenze tra il cervello di quella specie di Australopithecus e quello degli umani moderni studiate proprio grazie a quella riproduzione sono state riportate sulla rivista “Journal of Human Evolution”. Un team composto quasi dagli stessi ricercatori ha continuato a studiare il cranio e quindi anche in parte il cervello di Little Foot in questa nuova ricerca.

L’esame del cranio e della vertebra cervicale di Little Foot indicano che era capace di movimenti della testa diversi da quelli possibili per gli umani moderni. Secondo i ricercatori ciò è legato alla capacità di quella specie arrampicarsi sugli alberi e muoversi tra di essi. Un esemplare di Australopithecus sudafricano che è di circa un milione di anni più giovane potrebbe aver perso parzialmente quella capacità e aver trascorso più tempo al suolo.

Le tracce dei flussi sanguigni verso il cervello di Little Foot sono ben conservate e permettono di stimare che il suo utilizzo di glucosio era circa un terzo rispetto agli umani moderni e vicino a quello degli scimpanzè. Secondo i ricercatori, il sistema vascolare degli umani, con la sua capacità di nutrire un cervello molto più grande e quindi con necessità di molta più energia, è emersa molto più avanti.

L’esatta attribuzione di Little Foot è ancora oggetto di discussioni perciò le parentele con altre specie di Australopithecus non sono ancora chiare. Ciò significa che al momento non sappiamo se la specie di Little Foot sia un’antenata degli umani moderni o una loro parente. Rimane un esemplare molto interessante da studiare per le informazioni che può fornire sulle prime fasi dell’evoluzione degli ominini.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *