L’Oculudentavis khaungraae potrebbe essere il più piccolo dinosauro mai esistito ma la sua identificazione è controversa

Il fossile di Oculudentavis khaungraae
Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” riporta l’identificazione di un piccolo dinosauro simile a un uccello dall’esame di un cranio conservato in un pezzo di ambra risalente a circa 99 milioni di anni fa, nel periodo Cretaceo, trovato in Myanmar. Un team di ricercatori l’ha chiamato Oculudentavis khaungraae e potrebbe trattarsi del più piccolo dinosauro mai esistito, con dimensioni paragonabili a quelle di un colibrì. Tuttavia, l’identificazione è contestata anche se, almeno per ora, controargomentazioni sono state pubblicate solo in un articolo dell’Institute of Vertebrate Paleontology and Paleoanthropology (IVPP) cinese.

Parecchi fossili molto ben conservati di piccoli animaletti sono stati scoperti in pezzi d’ambra e in diversi casi provengono dall’odierno Myanmar, un luogo in cui nel Cretaceo c’era una foresta pluviale con alberi che secernevano resina che poteva diventare ambra, in tanti casi dopo aver imprigionato qualche animaletto. In alcuni casi i fossili sono piccoli frammenti di animali più grandi, in questo caso l’animale era piccolo ma solo il suo cranio è rimasto conservato nell’ambra. L’immagine in alto (Cortesia Xing Lida. Tutti i diritti riservati) mostra il pezzo d’ambra contenente il fossile, che è stato catalogato come HPG-15-3.

Il cranio oggetto di questa ricerca è stato trovato da Lars Schmitz, professore associato di biologia al W.M. Keck Science Department dei Claremont McKenna, Scripps and Pitzer Colleges, all’Hupoge Amber Museum, al quale era stato donato, durante una ricerca di fossili nel Myanmar del nord condotta assieme al suo team . Sono pochi i casi in cui fossili di vertebrati vengono conservati nell’ambra e in questo caso il cranio è davvero piccolo con i suoi 14 millimetri di lunghezza. I ricercatori l’hanno sottoposto a un esame tomografico simile alla TAC ad alta risoluzione per poterne creare una ricostruzione tridimensionale.

Le caratteristiche di quello che è stato chiamato Oculudentavis khaungraae sono state analizzate e i ricercatori hanno visto somiglianze con uccelli, dinosauri ma anche lucertole. Secondo loro, si tratta di un minuscolo dinosauro, forse il più piccolo mai esistito, simile a un uccello e imparentato con il celebre Archaeopteryx. Il cranio sembra appartenere a un esemplare adulto o quasi adulto e le sue dimensioni molto ridotte indicherebbero che quel tipo di evoluzione da specie di dimensioni molto maggiori era cominciato già nei dinosauri piumati, ben prima che negli antenati degli odierni colibrì.

Tuttavia, dopo la pubblicazione dell’articolo sono cominciati i commenti scettici riguardo alla natura dell’Oculudentavis khaungraae. Secondo alcuni paleontologi, le sue caratteristiche sono più vicine a quelle di alcune lucertole e di alcuni altri rettili oggi estinti con crani la cui forma è simile a quella degli uccelli. Sul sito dell’Institute of Vertebrate Paleontology and Paleoanthropology (IVPP) cinese sono state pubblicate alcune controargomentazioni. L’articolo è in lingua cinese e la necessità per molti di usare un traduttore per leggerlo rende più difficile la valutazione dei contenuti.

Come spesso succede nel campo della paleontologia, uno studio su una specie è basato su una piccola parte di un unico esemplare. Se avessero a disposizione uno scheletro completo o quasi di Oculudentavis khaungraae sarebbe almeno possibile capire se appartiene al gruppo Avialae, che comprende gli uccelli e i dinosauri simili a uccelli, anche se la definizione precisa è oggetto di discussioni. Uno scheletro senza ali indicherebbe che potrebbe essere un rettile. Nel frattempo, le discussioni su questo cranio continueranno sicuramente.

Concetto artistico di Oculudentavis khaungraae mentre dà la caccia a un insetto (Immagine cortesia Han Zhixin)
Concetto artistico di Oculudentavis khaungraae mentre dà la caccia a un insetto (Immagine cortesia Han Zhixin)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *