La ragazza fantasma di Richard Larson

La ragazza fantasma di Richard Larson
La ragazza fantasma di Richard Larson

Il racconto breve “La ragazza fantasma” (“Ghost Girl”) di Richard Larson è stato pubblicato per la prima volta nel 2014. In Italia è stato pubblicato da Future Fiction all’interno dell’antologia in italiano e inglese con lo stesso nome nella traduzione di Lorenzo Crescentini.

Dopo aver letto un altro articolo sulla ragazza fantasma che viveva in una discarica fuori Bujumbura, Iguo decide di indagare per capire se si tratti solo di una leggenda metropolitana o se dietro vi sia qualcosa di vero. Ciò che trova è conseguenza della guerra degli anni precedenti.

Questo racconto breve è ambientato a Bujumbura, la capitale del Burundi. È molto breve con una trama molto semplice che però nasconde una notevole quantità di dettagli su questo futuro che segue una guerra che è stata anche di tipo cibernetico con una serie di conseguenze.

L’idea di base è quella che potrebbe sembrare una leggenda metropolitana riguardante la presenza di una ragazza fantasma. Il poliziotto Iguo indaga e trova molto più di quanto si sarebbe aspettato, un modo per Richard Larson di fornire una serie di informazioni su quel futuro.

La semplicità del racconto è solo superficiale perché include una quantità davvero notevole di riferimenti alla guerra e alle sue conseguenze. Robot, droni, cyborg, virus, intelligenze artificiali e altro ancora sono stati usati come armi e dopo la fine della guerra sono rimasti fantasmi di vario tipo. Tutto ciò include riferimenti a problemi legati alla società e alla politica del Burundi e sono facili da comprendere anche per chi non conosce quel paese.

“La ragazza fantasma” è un racconto davvero brevissimo e leggendolo viene da pensare che Richard Larson abbia pesato ogni parola per concentrarvi più dettagli possibile. Il risultato è che la maggior parte delle frasi racchiude spunti di riflessione che potrebbero essere sviluppati notevolmente.

Alla fine “La ragazza fantasma” è un racconto stimolante che è come un lampo perché lo si legge in un attimo ma poi ci si può pensare sopra per parecchio. È il caso in cui un lettore potrebbe volere un’opera più lunga che sviluppasse i vari concetti: volendo, Richard Larson potrebbe trarne perfino un romanzo!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *