The Terror – Attacco all’accampamento

Comandante James Fitzjames (Tobias Menzies) in Attacco all'accampamento(Immagine cortesia AMC Studios / Amazon. Tutti i diritti riservati)
Il Comandante James Fitzjames (Tobias Menzies) in Attacco all’accampamento (Immagine cortesia AMC Studios / Amazon. Tutti i diritti riservati)

“Attacco all’accampamento” (“Terror Camp Clear”) è l’ottavo episodio della serie “The Terror”, un adattamento del romanzo “La scomparsa dell’Erebus” (“The Terror”) di Dan Simmons, e segue “L’orrore del pasto“.

Nota. Quest’articolo contiene spoiler su “Attacco all’accampamento”.

Il Capitano Francis Crozier (Jared Harris) e il Comandante James Fitzjames (Tobias Menzies) vanno al tumulo per aggiornare le informazioni lasciate in precedenza in modo che qualcuno possa scoprire cos’è successo alla spedizione di Franklin. Quando tornano all’accampamento, lo trovano praticamente in stato di guerra a causa degli intrighi di Cornelius Hickey (Adam Nagaitis) e della paranoia accentuata dalla nebbia che è scesa sull’area.

“Attacco all’accampamento” comincia con una sorta di confessione del Comandante James Fitzjames al Capitano Francis Crozier. C’è effettivamente un mistero attorno alle circostanze della nascita del personaggio storico su cui è stato costruito quello immaginario aggiungendo profondità a un altro dei protagonisti di “The Terror”. Anche per quanto riguarda il documento lasciato nel tumulo, nell’episodio c’è attenzione alla fedeltà storica perché quello reale venne successivamente trovato e alcune informazioni su ciò che è davvero accaduto alla spedizione di Franklin vengono da essa.

Dopo quell’esperienza che ha rafforzato il loro rapporto, i due ufficiali devono però far fronte al caos che trovano nell’accampamento. In questo caso, il lato psicologico dei personaggi non mostra certo sottigliezze visto che la paura serpeggia. Quest’episodio sembra portare sui sopravvissuti della spedizione tutti i pericoli: gli effetti del progressivo avvelenamento da piombo, i piani di Cornelius Hickey e la creatura Tuunbaq.

Hickey è ora il personaggio che ricordavo dal romanzo con le sue manipolazioni che rischiano di causare ulteriori problemi a una spedizione che è già in grossi guai. In “Attacco all’accampamento” il fattore emotivo diventa molto forte sia per i comportamenti dei personaggi che per gli eventi che ne conseguono.

In una situazione che per tutti quei motivi è di vita o di morte, i personaggi devono più che mai scegliere non solo da che parte stare ma anche quale atteggiamento avere. Ciò significa che devono scegliere se essere sinceri, in certi casi prima di tutto con se stessi, o mentire seguendo un qualche piano. Può significare prendere atto di un proprio stato di debolezza in una storia che ancora una volta mette in luce l’umanità dei personaggi, a volte in modo positivo e altre in modo negativo.

Le azioni dei protagonisti in “Attacco all’accampamento” costituiscono il culmine dello sviluppo visto negli episodi precedenti. Andando verso la fine della stagione non è certo una sorpresa vedere la forza di “The Terror” da questo punto di vista. La qualità della sceneggiatura e della recitazione è tale che nei momenti più concitati dove l’azione salta qua e là ogni pochi secondi lo spettatore può capire immediatamente il senso dei comportamenti dei personaggi proprio perché sono coerenti con ciò che ha visto nel corso degli episodi.

Alla fine di “Attacco all’accampamento” c’è davvero la percezione di una spedizione destinata alla catastrofe. È una fine che era conosciuta fin dall’inizio per lo spettatore eppure riesce lo stesso a colpire emotivamente.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *