The Undertaker’s Gift di Trevor Baxendale

The Undertaker's Gift di Trevor Baxendale
The Undertaker’s Gift di Trevor Baxendale

Il romanzo “The Undertaker’s Gift” di Trevor Baxendale è stato pubblicato per la prima volta nel 2009. È inedito in Italia.

La situazione a Cardiff è perfino più complicata del solito con una quantità di creature aliene che arrivano sulla Terra attraverso la fessura spazio-temporale. Per il team di Torchwood evitare conseguenze serie è più che mai un lavoro a tempo pieno ma in questo caso ciò vuol dire anche avere in custodia una creatura gelatinosa che può rilasciare una scarica elettrica mortale.

Le cose peggiorano ulteriormente quando si fanno vivi gli avvocati della Horkala Corp, i quali annunciano una causa alla Terra per l’incapacità di gestire il XXI secolo. Perfino il Capitano Jack Harkness corre dei rischi con un avversario che conosce i suoi segreti e la soluzione del problema potrebbe essere legata a un funerale fuori dal normale con misteriosi becchini.

“The Undertaker’s Gift” fa parte di una collana di romanzi connessi alla serie “Torchwood“, uno spinoff di “Doctor Who”. Le dimensioni sono quelle dei libri di “Doctor Who” dell’Undicesimo Dottore e successivi. Nei primi libri il font era più piccolo mentre in quelli successivi il font è della stessa dimensione di quelli di “Doctor Who”.

“The Undertaker’s Gift” è indicato come ambientato dopo la fine della seconda stagione televisiva di “Torchwood” e quindi un periodo in cui è già iniziata la relazione tra il Capitano Jack Harkness e Ianto Jones. Tuttavia, leggendo le descrizioni dei rapporti tra i due personaggi il romanzo sembra ambientato in un momento precedente, tanto che sembra quasi più focalizzato sul rapporto tra Jack e Gwen Cooper.

Può darsi che per qualche motivo la pubblicazione del libro non sia stata gestita tenendo conto di quest’elemento della sua trama: l’importante è esserne al corrente per evitare confusione e perplessità nel corso della lettura. Per il resto, le descrizioni dei protagonisti mi ha dato l’impressione che ormai l’autore li conosca e ciò non è sorprendente considerando che nel 2008 nella stessa collana era già stato pubblicato il suo “Something in the Water”.

Questo romanzo ha dei toni horror particolarmente pronunciati con brani in cui certe descrizioni sono piuttosto crude. Ho letto solo una parte dei romanzi di Torchwood perciò non so se ce ne siano altri con quelle caratteristiche. Torchwood è una serie orientata a un pubblico adulto perciò non è sorprendente che una storia possa avere certi toni, diciamo che in questo caso il lettore dev’essere soprattutto non troppo impressionabile.

È appropriato che un romanzo del genere inizi con un funerale dai contorni misteriosi che rimane un momento significativo nel corso della storia. Segue l’introduzione di alcuni personaggi, la cui importanza verrà chiarita, in una sottotrama inizialmente parallela a quella incentrata sul team di Torchwood.

Il mio problema principale in “The Undertaker’s Gift” è proprio con quei personaggi creati per il romanzo perché non mi sono sembrati interessanti. È una mia reazione personale che ha reso un po’ pesante la lettura perché quei personaggi occupano parecchio spazio nella storia.

La mia sensazione negativa è stata aumentata dal fatto che il finale del romanzo è davvero molto affrettato. Il tono della storia tende rapidamente verso l’apocalittico, con l’intero mondo a rischio, e il lettore è portato a chiedersi come farà il team Torchwood a salvare la Terra. Secondo me la soluzione scelta da Trevor Baxendale è la più banale.

Si può dire che la soluzione mostri una versione estrema del concetto per cui è il viaggio a essere importante e non la destinazione. La sostanza è che “The Undertaker’s Gift” è costruito in un modo che può piacere soprattutto ai fan di Torchwood interessati ai protagonisti e ai rapporti tra di loro.

Il Capitano Jack Harkness affronta un avversario che potrebbe addirittura avere i mezzi per ucciderlo o almeno ridurlo in una condizione tale da essere praticamente equivalente alla morte. Ciò lo costringe a pensare seriamente alla prospettiva della morte mentre in genere il suo problema è l’opposto.

Personalmente l’elemento collegato al Capitano Jack Harkness è sembrato un po’ poco per rendere “The Undertaker’s Gift” realmente eccitante. Il ritmo rapido e la lunghezza limitata del romanzo aiutano ad andare oltre questo problema e se voi siete interessati ai libri di Torchwood per i protagonisti e non per le trame vi potrebbe piacere lo stesso.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *