The Terror – Punito come un mozzo

Cornelius Hickey (Adam Nagaitis) in Punito come un mozzo (Immagine cortesia AMC Studios / Amazon. Tutti i diritti riservati)
Cornelius Hickey (Adam Nagaitis) in Punito come un mozzo (Immagine cortesia AMC Studios / Amazon. Tutti i diritti riservati)

“Punito come un mozzo” (“Punished, as a Boy”) è il quarto episodio della serie “The Terror”, un adattamento del romanzo “La scomparsa dell’Erebus” (“The Terror”) di Dan Simmons, e segue “La Scala La Salita“.

Nota. Quest’articolo contiene spoiler su “Punito come un mozzo”.

Nel 1848 Lady Jane Franklin (Greta Scacchi) e Sophia Cracroft (Sian Brooke) fanno appello all’Ammiragliato per iniziare una nuova spedizione di soccorso alle navi HMS Erebus e HMS Terror, delle quali non si hanno più notizie. Gli equipaggi devono sopravvivere bloccati tra i ghiacci e ora devono affrontare una nuova minaccia dotata di intelligenza.

Nell’inizio di “Punito come un mozzo” viene mostrato tutto il maschilismo degli ufficiali della Marina Reale Britannica nei confronti Lady Jane Franklin, moglie del Capitano John Franklin (Ciarán Hinds), e della nipote Sophia Cracroft, di fronte alla loro richiesta di aiuto. Viene anche mostrato chiaramente come gli esploratori del XIX secolo potessero diventare talmente isolati che la mancanza di notizie della spedizione Franklin non viene considerata un problema serio.

L’ottimismo ostentato dagli ufficiali assomiglia a quello del Capitano Franklin ma non è sufficiente a placare Lady Jane, che mostra forza e coraggio non facendosi mettere i piedi in testa. È conscia dei difetti del marito ed evidentemente si rende conto che almeno in parte sono condivisi dai suoi colleghi. Non si tratta di una scena particolarmente lunga, eppure racchiude molto, non una sorpresa in una serie che già negli episodi precedenti aveva mostrato di contenere molta sostanza.

Nel caso di Sophia Cracroft, se nell’inizio dell’episodio più che altro accompagna sua zia, in successivi flashback mostra ulteriori dettagli del suo complesso rapporto con il Capitano Francis Crozier (Jared Harris), che può solo ricordare i giorni trascorsi con lei e sperare di rivederla.

Quelle speranze subiscono nuovi colpi quando la HMS Erebus e la HMS Terror cominciano a essere attaccate da un nemico astuto. Non c’è più solo un senso di minaccia dovuto alle durissime condizioni in cui gli equipaggi stanno cercando di sopravvivere. Le informazioni in possesso della donna Inuit soprannominata Lady Silence potrebbero essere vitali ma c’è chi pensa che sia una nemica della spedizione.

Avendo letto il romanzo parecchi anni fa non sto a cercare le differenze rispetto alla serie televisiva, che è inevitabilmente diversa, ma ci sono momenti in cui mi sembra che vi siano stati cambiamenti importanti in quest’adattamento. In “Punito come un mozzo” il personaggio di Cornelius Hickey (Adam Nagaitis) è centrale nella trama. Nella serie, finora sembra più che altro una simpatica canaglia mentre nel romanzo è assolutamente infido e maligno. Il suo collega Magnus Manson (Stephen Thompson) nel romanzo è gigantesco ma con un certo ritardo mentale e dipende sostanzialmente da Hickey.

In una serie che finora ha mostrato grande attenzione per lo sviluppo della trama offrendo dettagli pieni di significati, vedere quelli che almeno in apparenza sono cambiamenti rispetto al romanzo mi incuriosisce. Ci sono ancora molti eventi da raccontare in un’atmosfera che sta diventando sempre più cupa e non solo per l’inverno artico.



Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *