All the Birds in the Sky di Charlie Jane Anders

All the Birds in the Sky di Charlie Jane Anders
All the Birds in the Sky di Charlie Jane Anders

Il romanzo “All the Birds in the Sky” di Charlie Jane Anders è stato pubblicato per la prima volta nel 2016. Ha vinto il premio Nebula come miglior romanzo dell’anno, il Locus come miglior romanzo fantasy e il premio Crawford. È al momento inedito in Italia.

Patricia è ancora una bambina quando comincia a parlare con gli uccellini ma non è in grado di controllare le sue capacità connesse alle arti magiche. Laurence inventa apparecchiature avanzate fin dall’infanzia, fino a creare un’intelligenza artificiale. Patricia e Laurence si incontrano per la prima volta nella scuola che frequentano, dove sono considerati i due alunni più strani.

Le strade di Patricia e Laurence vengono separate, anche a causa delle decisioni dei loro genitori idioti. Si incontrano nuovamente anni dopo, quando lei è diventata una strega parte di una congrega e lui fa parte di un gruppo di geek che inventa macchine rivoluzionarie. Nonostante le loro differenze, gli eventi li fanno riavvicinare.

Charlie Jane Anders ha scritto soprattutto narrativa breve e “All the Birds in the Sky” è il suo primo romanzo di genere dopo averne pubblicato uno non di genere nel decennio scorso. Questo romanzo viene catalogato come science-fantasy o fantastico perché amalgama generi e sottogeneri perciò gli sono state appiccicate varie etichette connesse ai generi fantasy e fantascienza arrivando a considerarlo perfino cyberpunk. Ci sono anche elementi di fantascienza catastrofica.

In realtà l’autrice sfrutta elementi di vari generi e sottogeneri in modo funzionale alla storia senza però approfondirli. Fornisce solo spiegazioni molto generiche delle regole della magia. Si limita a menzionare Linux e le schede Arduino in relazione agli sviluppi tecnologici senza spiegare nulla delle basi su cui viene creata un’intelligenza artificiale o altre apparecchiature avveniristiche. Nella seconda parte del romanzo c’è la prospettiva di un collasso ambientale globale ma ciò che succede nel mondo viene descritto in modo molto vago.

I vari elementi del romanzo vengono usati per costruire una storia fortemente orientata ai personaggi e in particolare ai protagonisti Patricia e Laurence. I due sono come yin e yang: per molti versi totalmente opposti ma allo stesso tempo strettamente connessi perciò ogni separazione è solo temporanea.

La strega e il geek crescono seguendo percorsi divergenti che rappresentano fantasy e fantascienza eppure fin dall’inizio sono entrambi emarginati perché non si conformano alle aspettative altrui, in particolare a quelle dei loro genitori idioti, e le loro vite finiscono sempre per intersecarsi.

Se i generi e sottogeneri coinvolti non vi sono sembrati abbastanza, “All the Birds in the Sky” comincia come una fiaba, con Patricia bambina che per la prima volta parla con gli uccellini. La prima parte del romanzo segue la crescita dei due protagonisti e rapidamente si nota che si tratta di una storia introspettiva in cui Patricia e Laurence cercano di capire cosa vogliono dalla vita ma si scontrano con l’incomprensione di genitori idioti.

Il romanzo è in parte una storia di maturazione nella parte in cui Patricia e Laurence devono decidere del loro futuro, anche andando contro le loro famiglie. Nonostante queste caratteristiche, la storia va ben oltre il sottogenere young adult continuando con le storie dei protagonisti da adulti, complesse e piene di considerazioni profonde che offrono spunti di riflessione.

Lo sviluppo della trama tende a essere drammatico tuttavia i toni non sono sempre cupi ma vengono spesso alleggeriti da un po’ di umorismo. Anche le battute trascendono generi e sottogeneri perciò per esempio può capitare che Patricia citi scherzosamente “Doctor Who” perché anche le streghe apprezzano il Dottore. 🙂

La trama di “All the Birds in the Sky” procede soprattutto tramite dialoghi e riflessioni personali con la conseguenza che ha un ritmo che tende a essere lento. Lo sviluppo dei personaggi riguarda soprattutto Patricia e Laurence, gli altri tendono a rimanere sullo sfondo e ad essere descritti tramite le interazioni con i protagonisti. Fa parzialmente eccezione Theodolphus Rose, un assassino che cerca di sconvolgere il rapporto tra la strega e il geek. Si tratta di un curioso personaggio di cui viene raccontata almeno in parte la storia personale.

Tutto ciò rende “All the Birds in the Sky” un romanzo decisamente fuori dal normale, il che è positivo ma capisco che il modo in cui Charlie Jane Anders l’ha sviluppato a qualcuno possa non piacere o vada contro le aspettative derivanti da certe etichette. È uno dei casi in cui le etichette sono davvero limitative.

Personalmente ho trovato “All the Birds in the Sky” davvero affascinante per il tipo di amalgama di generi e sottogeneri e per i suoi contenuti. Se cercate una storia introspettiva con tanti spunti di riflessione vi consiglio di leggerlo, con calma e magari anche rileggendolo per apprezzare i tanti concetti profondi, senza badare alle etichette.

Nell’ottobre 2016 Charlie Jane Anders ha pubblicato il racconto breve “Clover” che riguarda il gatto di Patricia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *