The Causal Angel di Hannu Rajaniemi

The Causal Angel di Hannu Rajaniemi
The Causal Angel di Hannu Rajaniemi

Il romanzo “The Causal Angel” di Hannu Rajaniemi è stato pubblicato per la prima volta nel 2014. È il seguito di “The Fractal Prince“. È inedito in Italia.

Jean le Flambeur e Mieli vengono separati in seguito all’attacco subito. La conseguenza è che ognuno dei due deve affrontare una serie di pericolo per conto proprio e ciò in un momento in cui varie forze si stanno preparando a una guerra come non se ne era mai vista una nel sistema solare.

Per Mieli i pericoli derivano da ciò che è presente nella sua testa, informazioni che potrebbero essere preziose nella guerra in preparazione e che qualcuno vorrebbe estrare a ogni costo. Jean le Flambeur vuole salvare Mieli ma deve allo stesso tempo affrontare altre complicazioni.

In questo terzo romanzo della trilogia di Jean le Flambeur continuano le avventure di questo ladro ambientate in un futuro post-umani hanno colonizzato il sistema solare e utilizzano tecnologie estremamente avanzate. Gli eventi sono immediatamente successivi a quelli di “The Fractal Prince” e in parte ad essi collegati perciò è necessario aver già letto i romanzi precedenti, anche per conoscere i personaggi e l’ambientazione.

Oltre ai protagonisti Jean le Flambeur e Mieli, altri personaggi tornano dai romanzi precedenti, in particolare Josephine Pellegrini e Matjek Chen. Tuttavia, questa trilogia è ambientata in un universo narrativo in cui la tecnologia ha reso il concetto di identità vago e mutevole e ciò influenza fortemente lo sviluppo dei personaggi.

Il caso di Jean le Flambeur è il perfetto esempio del modo di gestire i personaggi da parte di Hannu Rajaniemi: potremmo dire che esiste un Jean le Flambeur di base che narra la sua storia in prima persona ma ne esistono anche altre versioni o semplicemente il protagonista usa un’indentità fittizia e la loro storia viene narrata in terza persona.

“The Causal Angel” è per molti versi la storia di Mieli, la guerriera della Nube di Oort la cui storia finisce per legarsi a quella di Jean le Flambeur. Vari flashback avevano rivelato eventi del suo passato già in “The Fractal Prince” e nel terzo romanzo il lettore scopre altro su di lei e su altre persone vicine a lei.

In generale, in “The Causal Angel” vengono fornite parecchie nuove informazioni sul passato del sistema solare e delle fazioni che si preparano a una guerra senza precedenti. Tutto ciò nello stile già visto nei romanzi precedenti, con un ampio uso di termini inventati da Hannu Rajaniemi che non hanno una precisa spiegazione.

In sostanza, anche questo libro finale della trilogia è per certi versi una montagna russa in cui il lettore deve lasciarsi andare e godersi la corsa limitandosi a intuire il senso generale dei concetti senza badare ai dettagli. D’altra parte, in un universo narrativo in cui tutto è fluido i dettagli non sono fissi e quindi è inutile cercare di afferrarli.

In un’opera in cui lo stile ha un’importanza notevole, tanto da poter essere considerato parte della sostanza, il problema è che a volte personaggi e trama vengono messi in ombra. In “The Causal Angel” più che mai i protagonisti corrono seri pericoli e in generale gli eventi dovrebbe essere intensi ma onestamente non ho avuto queste sensazioni proprio perché lo stile a volte è davvero preponderante.

Se avete letto i romanzi precedenti, sapete già che questa trilogia non è adatta a chi cerca trame precise e/o uno sviluppo classico dei personaggi. Ciò non vuol dire che questi elementi siano assenti bensì che sono sviluppati nello stile che Hannu Rajaniemi ha usato in questa trilogia. Il risultato è originale, suggestivo e intrigante in modi decisamente non convenzionali.

“The Causal Angel” rappresenta per vari versi il culmine dell’intera trilogia con sviluppi basati su elementi e personaggi inseriti nei tre romanzi. Per questo motivo e per la complessità generale, la cosa migliore è leggere l’intera trilogia in un arco di tempo abbastanza ridotto per non dover ricominciare a immergersi in quell’universo narrativo davvero unico all’inizio di ogni romanzo.

Per le sue caratteristiche, “The Causal Angel” non è un romanzo che può piacere a tutti. Se trovate intriganti lo stile di Hannu Rajaniemi e il tipo di storia che ha sviluppato, sicuramente vi piacerà e in questo caso vi raccomando di leggere tutta la trilogia di Jean le Flambeur.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *