Il Nyanzapithecus Alesi era un antenato comune di umani e scimmie antropomorfe che visse 13 milioni di anni fa

Il cranio del Nyanzapithecus Alesi (Foto cortesia Fred Spoor)
Il cranio del Nyanzapithecus Alesi (Foto cortesia Fred Spoor)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Nature” descrive la scoperta in Kenya di un cranio appartenente a un cucciolo di una specie di scimmia antropomorfa che è stata chiamata Nyanzapithecus Alesi. Datato circa 13 milioni di anni, l’esemplare è morto a un’età stimata di soli 16 mesi circa ma non è possibile stabilire se fosse maschio o femmina. Il cranio è il più antico trovato finora appartenente a un antenato di ominidi e scimmie antropomorfe.

Alesi, com’è stato soprannominato questo cucciolo, è stato scoperto nel 2014 da un cacciatore di fossili negli strati rocciosi di 13 milioni di anni preservati grazie a un’eruzione vulcanica che a quell’epoca seppellì la foresta in cui viveva anche la specie a cui apparteneva questo cucciolo. Si tratta del più antico cranio trovato finora di un ominoide, cioè di un individuo appartenente a una superfamiglia che include ominidi e scimmie antropomorfe.

Il cranio è stato sottoposto a un esame ai raggi X usando una tecnica che ha permesso di riprodurne un’immagine tridimensionale. Grazie ad essa è stato possibile stimare l’età a cui Alesi è morto e soprattutto di comprendere le caratteristiche del cervello, dell’orecchio interno e dei suoi denti. Esse hanno convinto i ricercatori che quest’individuo appartenesse al genere Nyanzapithecus ma la larghezza dei molari ha indicato che si trattasse di una specie separata.

La scarsità di fossili di antenati comuni a umani e scimmie antropomorfe esistenti oggi hanno reso difficile farsi un’idea del loro aspetto e stabilire dove abbiano avuto origine. Come per molte ricerche nel campo della paleontologia, ogni nuova scoperta può portare informazioni chiave per capire meglio le origini e l’evoluzione di un intero gruppo di specie e questo potrebbe essere uno di questi casi.

Per certi versi, il Nyanzapithecus Alesi assomigliava a un gibbone ma l’esame approfondito del cranio ha rivelato alcune caratteristiche decisamente diverse. I gibboni vivono tra gli alberi e sono capaci di balzi acrobatici tra i rami mentre la struttura dell’orecchio intrno del Nyanzapithecus Alesi mostra una forma associata a movimenti lenti.

Isaiah Nengo, primo autore dell’articolo, ha spiegato che la scoperta del cranio del Nyanzapithecus Alesi mostra che il gruppo di primati di cui faceva parte era vicino all’origine delle scimmie antropomorfe moderne e degli umani e che quell’origine è africana. Per cercare altri fossili dell’epoca, intende tornare nell’area di Napudet, in Kenya, in cui è stato trovato il cranio. Nuove scoperte potrebbero fornire ulteriori informazioni sull’origine degli esseri umani e di molti primati.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *