Zuul crurivastator era un anchilosauro che assomigliava al mostro di Ghostbusters

Teschio di Zuul crurivastator (Foto cortesia Brian Boyle/Royal Ontario Museum)
Teschio di Zuul crurivastator (Foto cortesia Brian Boyle/Royal Ontario Museum)

Un articolo pubblicato sulla rivista “Royal Society Open Science” descrive lo studio di un dinosauro chiamato Zuul crurivastator vissuto circa 75 milioni di anni fa nell’odierno Montana, negli USA. Si tratta di un Anchilosauro, un gruppo di erbivori corazzati apparsi nel periodo Giurassico che vissero fino alla fine del Cretaceo. Il nome Zuul è ispirato al mostro del film “Ghostbusters” perché gli scopritori vi hanno visto delle somiglianze.

L’esemplare di Zuul crurivastator venne scoperto nel 2014 durante uno scavo il cui obiettivo era la ricerca di scheletri di tirannosauri in una grande cava del Montana, nella formazione Judith River. Per un colpo di fortuna, i ricercatori si imbatterono nella coda di quello che apparve presto come un anchilosauro. Esso venne acquistato dal Royal Ontario Museum in Toronto ed esaminato da Victoria Arbour e David Evans, due scienziati del dipartimento di paleobiologia del museo.

Il risultato dell’esame è stato che si trattava di una nuova specie, classificata all’interno della sottofamiglia degli anchilosaurini. Victoria Arbour ha visto una somiglianza tra il muso di quest’animale e quello di Zuul il Guardia di Porta, un mostro del celebre film “Ghostbusters”, tanto da proporlo come nome del genere a cui apparteneva questa specie.

Lo scheletro scoperto è quasi completo e perfino alcuni tessuti molli e resti di cheratina dalle sporgenze appuntite e dalle scaglie si sono conservati. In sostanza, dopo la morte l’esemplare si era parzialmente mummificato permettendo la fossilizzazione di parti che difficilmente vengono in qualche modo conservate.

Quest’esemplare era lungo circa 6 metri di cui metà erano nella coda per un peso che da vivo doveva essere attorno ai 2,500 kg, paragonabile a un rinoceronte bianco odierno. Il suo studio ha permesso di verificare le caratteristiche anatomiche che lo rendono diverso da  altri anchilosaurini, tanto da creare un nuovo genere per la sua classificazione.

La conservazione dell’esemplare di Zuul crurivastator scoperto lo rende un perfetto oggetti per ulteriori studi. In particolare, i resti dei vari tessuti molli e della cheratina verranno esaminati per capire esattamente quali sostanze chimiche sono arrivate fino a noi. Qualcosa della loro composizione originale può essersi conservato e ogni composto è prezioso per capire meglio questi antichissimi animali.

Ricostruzione di Zuul crurivastator (Immagine cortesia Danielle Dufault/Royal Ontario Museum)
Ricostruzione di Zuul crurivastator (Immagine cortesia Danielle Dufault/Royal Ontario Museum)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *