Upriver, Downriver di Aaron Ward

Upriver, Downriver di Aaron Ward
Upriver, Downriver di Aaron Ward

Il romanzo “Upriver, Downriver” di Aaron Ward è stato pubblicato per la prima volta nel 2016. È inedito in Italia.

In una valle isolata una comunità sopravvive grazie ai frutti di caccia, pesca e coltivazione. La principale minaccia per gli abitanti è una siccità che sta andando avanti da alcuni anni perciò tutti sperano che finalmente arrivi la pioggia. È uno dei cambiamenti avvenuti da un po’ di anni seguendo la nascita di bambini con strane mutazioni.

Agli abitanti della comunità è severamente proibito oltrepassare i confini stabiliti generazioni prima. Quando sono invece due gruppi distinti di stranieri ad arrivare nella valle, le reazioni degli abitanti vanno dalla curiosità alla diffidenza. Portano tecnologie avanzate ma c’è chi è sospettoso riguardo ai motivi dietro al loro arrivo.

“Upriver, Downriver” è ambientato in un futuro piuttosto lontano ma i protagonisti vivono in una comunità relativamente primitiva, dove la tecnologia più avanzata è un sistema di specchi che serve per illuminare il lato in ombra di una montagna. Si tratta di una comunità isolata che vive in quell’area da varie generazioni nella speranza di sfuggire alle guerre che hanno devastato il mondo.

Non si tratta esattamente di un romanzo post-apocalittico anche se ci sono riferimenti all’uso di bombe atomiche con elevati livelli di distruzione perché la civiltà non è collassata completamente ed esistono ancora forme di tecnologia avanzata. Solo frammenti della storia di quel futuro vengono svelati pian piano, soprattutto dagli stranieri che li raccontano agli abitanti della comunità isolata.

Inizialmente, questa potrebbe sembrare una storia ispirata a Mark Twain se non fosse per il fatto che i protagonisti sono adolescenti con caratteristiche fisiche ben diverse dal normale, da occhi extra a braccia extra, ali e altre ancora. La nascita di questi mutanti costituisce un mistero e in varie occasioni la loro presenza fa emergere i lati più oscuri degli altri abitanti della comunità.

La prima parte di “Upriver, Downriver” viene usata da Aaron Ward per sviluppare le varie basi della trama e i personaggi. L’autore lo fa raccontando anche episodi di quella che per i protagonisti è la vita normale oltre all’incontro con gli stranieri, che invece è un evento straordinario.

Il risultato è che la prima parte del romanzo ha un ritmo decisamente lento e la trama è piuttosto vaga perché frammentata in varie sottotrame. D’altra parte, ciò permette all’autore di cominciare a sviluppare in maniera molto forte i tanti personaggi e a delineare i rapporti tra di loro e soprattutto tra gli abitanti della comunità e gli stranieri.

Il ritmo comincia ad aumentare quando la storia comincia a concentrarsi sulle conseguenze dell’arrivo degli stranieri. I ragazzi e altri abitanti della comunità sono curiosi nei loro confronti e danno loro almeno il beneficio del dubbio ma altri sono decisamente più diffidenti e ciò provoca anche contrasti all’interno della comunità.

Gli stranieri offrono agli abitanti locali aiuto per superare la siccità ma anche assistenza medica avanzata. Alcuni tra gli abitanti temono che dietro quelle offerte ci siano intenzioni non chiare. In questa situazione, i ragazzi vengono esposti ai diversi punti di vista e a stili di vita ben diversi da quelli che hanno conosciuto. “Upriver, Downriver” è per molti versi un romanzo di maturazione dato che i ragazzi sono i protagonisti.

Nel corso del romanzo, emergono le intenzioni degli stranieri ma i rapporti complessi con gli abitanti locali porta anche alla rivelazione di segreti interni alla comunità. Complessivamente, mi pare che i lati negativi dell’umanità prevalgano nettamente su quelli positivi ma ciò non significa che non vi siano speranze. Esposti a segreti e molte bugie, per i ragazzi è difficile fare le loro scelte, anche perché i fattori emotivi sono spesso molto forti.

È una fantascienza decisamente umanistica in una storia molto basata sui personaggi di cui pian piano vengono mostrate le varie personalità ma anche desideri e motivazioni che all’inizio possono essere nascoste. Vari personaggi si trovano di fronte a vari dilemmi etici e morali e questi sviluppi sono secondo me l’elemento più forte del romanzo, che da questo punto di vista va ben oltre il tipico “young adult”.

“Upriver, Downriver” è un romanzo lungo e complesso che richiede un po’ di pazienza iniziale ma secondo me alla fine mantiene le promesse. Per le sue caratteristiche lo consiglio in particolare ai lettori più giovani ma credo che possa essere godibile per chiunque sia interessato a quel tipo di storia.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *