Il Gunakadeit joseeae era un rettile marino che visse nel periodo Triassico

Il fossile di Gunakadeit joseeae
Un articolo pubblicato sulla rivista “Scientific Reports” descrive l’identificazione di una nuova specie di rettile marino classificato come parte dell’ordine dei talattosauri che visse nell’odierno Alaska oltre 200 milioni di anni fa, nel Noriano, un’età del periodo Triassico. Un team di ricercatori guidato da Patrick Druckenmiller della University of Alaska Fairbanks (UAF) lo ha chiamato Gunakadeit joseeae dopo aver esaminato il fossile scoperto in Alaska nel 2011. La scoperta di una nuova specie offre nuove informazioni su un gruppo di rettili di cui sono disponibili pochi fossili per un albero genealogico ancora oggetto di discussioni.

I talattosauri (Thalattosauria) costituiscono un ordine tassonomico di rettili marini che vissero nel periodo Triassico. La prima specie venne descritta nel 1904 e chiamata Thalattosaurus alexandrae, da cui il nome dell’intero ordine. Il corpo di quest’animale aveva caratteristiche simili a una lucertola e alcune che indicavano una vita marina, infatti il nome del genere e dell’ordine significa letteralmente lucertola di mare. Nel corso del secolo successivo sono stati scoperti altri fossili di animali con caratteristiche simili in varie parti del mondo che hanno formato un albero genealogico piuttosto ricco.

L’esatta composizione dell’ordine dei talattosauri, le parentele al suo interno e quelle con altri gruppi di rettili sono ancora oggetto di varie discussioni. I paleontologi sono d’accordo sull’inclusione dei talattosauri nel gruppo dei diapsidi (Diapsida) e poco altro. Il problema è quello classico nel campo della paleontologia: scarsità di fossili e studi sui fossili disponibili spesso risalenti a decenni fa. Gli autori di questa ricerca riconoscono tra gli altri il gruppo Thalattosauroidea e hanno classificato il nuovo genere e la nuova specie che hanno chiamato Gunakadeit joseeae al suo interno.

Il fossile attribuito alla nuova specie, catalogato come UAMES 23258, è stato scoperto nell’Alaska del sudest nel 2011 in un momento di bassa marea estrema che ha permesso di esplorare rocce che generalmente sono sott’acqua. Si tratta di uno scheletro quasi completo, il più completo talattosauro scoperto finora in Nord America, a cui manca parte della coda e alcune parti degli arti. Era un rettile piuttosto piccolo, lungo meno di un metro, mentre alcune specie di talattosauri potevano superare i quattro metri di lunghezza.

La foto in alto (Cortesia University of Alaska Museum of the North. Tutti i diritti riservati) mostra il fossile di Gunakadeit joseeae. L’immagine in basso (Cortesia Ray Troll. Tutti i diritti riservati) mostra una rappresentazione artistica di un gruppo di Gunakadeit joseeae.

La forma molto appuntita del muso del Gunakadeit joseeae suggerisce che lo usasse per cercare prede dal corpo soffice in aperture nelle barriere coralline. Si tratta di un tipo di predazione specializzato che alla fine potrebbe aver causato la sua estinzione. La teoria più probabile riguardo alla scomparsa di tutto l’ordine dei talattosauri è che si trattasse di animali specializzati che trovavano nutrimento in acque basse e furono vittime di mutamenti climatici che causarono cambiamenti nell’ambiente e nelle loro fonti di cibo. È possibile che la concorrenza di altri gruppi di rettili marini come gli ittiosauri contribuì al loro declino.

I talattosauri non sono celebri come altri gruppi di rettili marini e decisamente meno dei dinosauri ma avevano un ruolo significativo nei mari del Triassico. La limitata quantità di fossili rende difficile confermare i motivi della loro estinzione ma anche il Gunakadeit joseeae mostra una specializzazione che suggerisce un legame con i cambiamenti climatici e ambientali avvenuti alla fine del Triassico.

Rappresentazione artistica di un gruppo di Gunakadeit joseeae

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *