Sequenziato il DNA del calamaro gigante

Una rara foto di un calamaro gigante vivo (Foto cortesia Tsunemi Kubodera)
Una rara foto di un calamaro gigante vivo (Foto cortesia Tsunemi Kubodera)

Un articolo pubblicato sulla rivista “GigaScience” riporta un sequenziamento del DNA dell’Architeuthis dux, comunemente conosciuto come calamaro gigante. Un team di ricercatori guidato da Rute da Fonseca dell’Università danese di Copenhagen ha impiegato una serie di tecniche genetiche per ottenere il genoma completo di questo cefalopode, uno dei più grandi della storia di questo gruppo di invertebrati. Il suo DNA è molto grande con i suoi 2,7 miliardi di coppie di basi di DNA, circa il 90% delle dimensione del genoma umano. Tra i risultati interessanti c’è la scoperta di oltre 100 geni che codificano proteine della famiglia delle protocaderine, importanti nella corretta connettività di un cervello complesso.

La leggenda del Kraken, un mostro marino che poteva distruggere navi intere, potrebbe essere stata ispirata al calamaro gigante. Quest’animale costituisce uno degli esempi più clamorosi di gigantismo abissale, la tendenza di animali che vivono nelle profondità dei mari a essere molto più grandi dei loro cugini che vivono in acque più basse. La quantità di specie che effettivamente compongono il genere Architeuthis è oggetto di discussioni: dopo la descrizione dell’Architeuthis dux avvenuta nel 1857, nel decenni successivi ne vennero descritte diverse altre. In alcuni casi, quelle descrizioni vennero considerate sinonimi, che vuol dire descrizioni successive della stessa specie con un altro nome che una volta riconosciuto non viene considerato più valido. Una ricerca genetica è un ottimo metodo per risolvere la questione ed è una delle possibile conseguenze dello studio guidato dall’Università di Copenhagen.

Negli anni scorsi sono stati sequenziati i genomi di alcuni altri cefalopodi ma trovare DNA di qualità di un calamro gigante è stato più difficile. I campioni disponsibili sono stati prelevati da carcasse conservate usando varie sostanze che rendono più difficile isolare il DNA. Alla fine, i ricercatori sono riusciti a estrarre il DNA di un singolo individuo di Architeuthis dux, un risultato importante perché altri tipi di studio di questi cefalopodi sono rari a causa dei pochi avvistamenti e delle difficoltà nel cercare animali che vivono nelle profondità oceaniche.

Il genoma dell’Architeuthis dux è di dimensioni notevoli, circa il 90% di quello umano con i suoi circa 2,7 miliardi di coppie di basi di DNA. I ricercatori hanno potuto confrontare quel DNA con quelli degli altri cefalopodi dei quali è stato sequenziato e con quello umano, per cercare di capire dove possano esserci similitudini e differenze tra specie così diverse.

Un risultato interessante è la scoperta di oltre 100 geni che codificano proteine della famiglia delle protocaderine. Non è una novità per quanto riguarda i cefalopodi visto che anche nel polpo (Octopus vulgaris) quei geni sono presenti in tale quantità, doppia rispetto ai mammiferi. Quei geni sono importanti nello sviluppo neurale e confermano che anche il calamaro gigante ha un cervello complesso.

Altre caratteristiche genetiche interessanti nel calamaro gigante sono quelle legate ai cambiamenti di colore usati a scopo mimetico. Sono parte degli studi generali sui cefalopodi, animali che hanno sviluppato caratteristiche uniche e per questo motivo molti scienziati sono intrigati dagli studi sulla loro evoluzione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *