L’Aegicetus gehennae era una balena con le zampe che visse 35 milioni di anni fa


Un articolo pubblicato sulla rivista “PLOS ONE” riporta l’identificazione di un’antica specie di balena che è stata chiamata Aegicetus gehennae la quale visse circa 35 milioni di anni fa, nel periodo Eocene, in un’area che ora è occupata dal deserto egizio. Un team di paleontologi ha esaminato uno scheletro eccezionalmente completo per questo tipo di animale e un secondo scheletro parziale concludendo che si trattava di una specie appartenente alla famiglia dei protocetidi, cetacei che probabilmente erano anfibi. Questa nuova specie rappresenta uno stadio intermedio tra le balene più primitive, che nuotavano usando le zampe, e quelle odierne che nuotano usando la coda, perciò offre informazioni sulla loro evoluzione.

I protocetidi (Protocetidae) costituiscono una famiglia di cetacei primitivi diffusi in gran parte degli oceani durante il periodo Eocene. Erano probabilmente anfibi e avevano ancora le zampe, che potevano usare per spostarsi sulla terraferma ma anche per nuotare. I due esemplari appartenenti alla specie successivamente chiamata Aegicetus gehennae sono stati scoperti nel 2007 nella formazione di Gahannam (in inglese Gehannam Formation) nel sito paleontologico di Wadi al-Hitan, in Egitto, già celebre da oltre un secolo per il ritrovamento di fossili di antichi cetacei utilissimi per capire la loro evoluzione in mammiferi marini a partire da progenitori terrestri.

Il professor Philip Gingerich dell’Università del Michigan ha esaminato i due esemplari di Aegicetus gehennae assieme a Mohammed Sameh M. Antar della Egyptian Environmental Affairs Agency e Iyad S. Zalmout del Saudi Geological Survey. L’immagine in alto (Cortesia Philip D. Gingerich, Mohammed Sameh M. Antar, Iyad S. Zalmout) mostra la zampa posteriore dell’esemplare catalogato come CGM 60584. L’immagine in basso (Cortesia Philip D. Gingerich, Mohammed Sameh M. Antar, Iyad S. Zalmout) mostra il punto nella formazione Gahannam dove è stato trovato quell’esemplare. Lo studio ha anche portato alla creazione di modelli fotogrammetrici tridimensionali dei fossili.

L’età dei due esemplari di Aegicetus gehennae è stata stimata a circa 35 milioni di anni e ciò li rende i più recenti protocetidi scoperti finora. Rispetto a balene più antiche, questa specie aveva un corpo e una coda più allungati, zampe posteriori più piccole e senza una robusta connessione tra le zampe posteriori e la colonna vertebrale. Le sue caratteristiche anatomiche suggeriscono che si trattasse di una balena ben adattata al nuoto tramite l’ondulazione della parte mediana del corpo e della coda, in modo simile ai coccodrilli. Potrebbe essere uno stile di transizione tra quello basato sull’uso delle zampe delle prime balene e quello basato sull’uso della coda delle balene odierne.

Anche in un sito paleontologico ricco come la formazione Gahannam i paleontologi hanno bisogno di un po’ di fortuna per trovare scheletri in buone condizioni come il primo esemplare di Aegicetus gehennae. Quando ciò avviene, i ricercatori possono ottenere nuove informazioni sull’evoluzione delle balene.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *