Il destino della Legione di Kameron Hurley

Il destino della Legione di Kameron Hurley
Il destino della Legione di Kameron Hurley

Il romanzo “Il destino della Legione” (“The Stars Are Legion”) di Kameron Hurley è stato pubblicato per la prima volta nel 2017. In Italia è stato pubblicato da Fanucci in “Narrativa” nella traduzione di Chiara Beltrami.

Zan si sveglia senza alcuna memoria e deve fidarsi di ciò che le viene detto dalle donne della famiglia Katazyrna, che affermano di essere le sue sorelle. Una di loro in particolare, Jayd, le spiega quale dovrebbe essere il suo destino, come abbia affrontato il Mokshi, unico tra i vari mondi della Legione. Il suo viaggio sarà lungo e pieno di insidie ma per compierlo deve prima di tutto evitare di finire riciclata.

Jayd vuole aiutare Zan ma è invischiata in giochi di potere all’interno della famiglia Katazyrna e negli scontri con le loro rivali, la famiglia Bhavaja. Un matrimonio combinato per motivi strategici la fa passare da un pericolo a un altro, soprattutto quando i rapporti personali si intrecciano in modi contorti con i rapporti di lealtà con la sua famiglia d’origine.

“Il destino della Legione” comincia gettando il lettore in un mondo, che in realtà è un gruppo di mondi, davvero particolare dove inizialmente possono condividere la confusione di Zan, una delle protagoniste, che si risveglia senza alcuna memoria. Zan racconta in prima persona parte del romanzo in cui cerca di capire chi sia e di recuperare la memoria mentre qualcuno la considera la salvatrice e capire cosa ciò voglia dire è parte della sua ricerca.

Il primo volto che Zan vede quando si risveglia è quello di Jayd, che racconta in prima persona un’altra parte del romanzo che riguarda i rapporti tra due mondi in particolare, Katazyrna e Bhavaja, attraverso le sue esperienze in mezzo a un intrigo. Si tratta di giochi pericolosi che includono tradimenti e scontri di potere che possono facilmente portare una donna a essere uccisa, o meglio a essere riciclata visto che anche i corpi delle persone vengono riciclati. Nel romanzo vi sono non solo riferimenti ma molto più a questo riguardo con alcune descrizioni che hanno toni degni di un’opera splatter.

Mettendo assieme i racconti delle due narratrici Zan e Jayd, pian piano il lettore può cominciare a mettere assieme informazioni sui mondi che formano la Legione. “Il destino della Legione” non è il tipo di romanzo in cui alla fine tutto viene chiarito perciò se preferite venire a conoscenza di tutto ciò che riguarda l’universo narrativo di un’opera questa non fa per voi. Kameron Hurley si limita a fornire dettagli basati sulle conoscenze che le due protagoniste hanno della Legione, che è limitato perché loro non conoscono le loro origini né se abbiano una destinazione.

Un decadimento generale che in un mondo organico significa decomposizione porta a guerre tra i mondi della Legione e Zan viene considerata la chiave per la vittoria. Gli scontri sono brutali e spietati e “Il destino della Legione” non è una storia di buoni contro cattivi perché è difficile trovare un personaggio che possa essere definito buono. Si può dire che esaminando le motivazioni dei vari personaggi si possono valutare le varie gradazioni della tendenza a uccidere, una caratteristica che non contribuisce certo a rendere i personaggi piacevoli.

La costruzione dell’insieme di mondi della Legione ha un potenziale interessante in cui Kameron Hurley ha rimescolato elementi narrativi già visti, a volte anche molto classici, in modo personale. Il mio problema principale è che le macchinazioni accennate nella parte iniziale non mi sono sembrate particolarmente sviluppate. L’avventura di Zan mi è sembrata una sorta di viaggio negli inferi con successiva risalita pieno di eventi piuttosto casuali e anche la storia di Jayd alla fine non mi è parsa molto sofisticata.

Complessivamente, “Il destino della Legione” mi è parsa soprattutto una brutale lotta per la sopravvivenza in un ambiente che favorisce gli elementi più crudi dell’esistenza dei personaggi. Per questo motivo, si tratta di una storia che è quasi più horror che fantascienza. Se per voi questo è sufficiente, questo romanzo potrebbe piacervi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *